Crea sito

3000 Delfini muoiono a causa delle compagnie petrolifere

Negli ultimi 3 mesi, più di 3000 delfini morti sono stati trascinati a riva sulle coste del Perù, e questa tendenza preoccupante continua a crescere. Finora, la media è di circa 30 al giorno, ma una crescita significativa è stata riportata nei giorni scorsi.

Mentre il lavaggio dei delfini morti non è del tutto insolita, l’entità di questo evento non è assolutamente naturale. Secondo i biologi, tra cui il biologo peruviano Carlos Yaipen di un organismo scientifico per la conservazione degli animali acquatici, le compagnie petrolifere sono da biasimare in questo caso. Essi credono che il rilevamento acustico (sonar) è da biasimare.

“Le compagnie petrolifere utilizzano diverse frequenze delle onde acustiche e gli effetti prodotti da queste bolle non sono chiaramente visibili, ma generano effetti successivamente negli animali. Questo può causare la morte per impatto acustico, non solo i delfini, ma anche foche marini e balene. “

Utilizzando questa tecnica non è raro che, quando a terra, le compagnie petrolifere utilizzano camion dinamite o massiva di generare onde sismiche, che offrono preziose informazioni la metropolitana e la posizione di un serbatoio possibile. Tuttavia, quando il mare, queste tecniche non possono essere utilizzati, in modo da utilizzare altre tecniche, comprese sonar; determinate frequenze e intensità può essere estremamente dannosa per l’ambiente locale.

Nel 2003, gli scienziati della Zoological Society di Londra ha dimostrato che sonar subacqueo può portare alla formazione di microscopiche bolle di azoto nel sangue e gli organi vitali di mammiferi acquatici, che affliggono gli animali con una condizione letale comunemente nota come le curve. Inoltre, la gamma bassa sensori acustici causare disorientamento ed emorragie interne anche nei mammiferi acquatici.

Non è ancora chiaro quale azienda è prospezione nella zona come questo tipo di dati non è pubblico (ovviamente), ma secondo Offshore Magazine , una pubblicazione commerciale di petrolio notizie, almeno un soggetto, con sede a Houston compagnia petrolifera BPZ Energy , è stato attivamente la rilevazione del fondo marino lungo la costa del Perù dall’inizio dell’anno.

“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.