Crea sito

Cephalorhynchus hectori,Cefalorinco di Hector,Hector’s Dolphin,Tunina De Héctor

Cephalorhynchus hectori,Cefalorinco di Hector

Cephalorhynchus hectori,Cefalorinco di Hector

(Articolo n. 25 nella categoria: cercare altri articoli simili in “Cerca nel Blog” opp. In  ”Naviga in Filmati di Mare )

Cephalorhynchus hectori,Cefalorinco di Hector è uno dei quattro delfini del genere Cephalorhynchus. Gli altri sono il cefalorinco eutropia, il Cefalorinco di Heaviside e il cefalorinco di Commerson.  (Gli altri tre trattati con altrettanti ns. articoli)

Nome comune:

Inglese Hector’s Dolphin, New Zealand Dolphin, White-headed Dolphin
Francese Dauphin D’Hector
Spagnolo Delfín De Héctor, Tunina De Héctor

La sottopopolazione Isola del Nord del Hector’s Dolphin è stata recentemente riconosciuta come una sottospecie, Cephalorhynchus hectori Maui (Baker et al. 2002), ed è stato valutato separatamente. Questa sottospecie è a volte indicato come delfino di Maui (Maui’s Dolphin) o popoto o cefalorinco di Maui  e non Maui’s Hector’s Dolphin.

È la sottospecie più minacciata di tutti i mammiferi marini (gli altri cetacei con un simile e rischioso stato di conservazione abitano solamente fiumi ed estuari). Ci sono approssimativamente 110 cefalorinchi di Maui in natura e tra questi solamente 25 sono femmine in grado di riprodursi. Il Cefalorinco di Maui è criticamente minacciato a causa degli intrappolamenti nelle reti da pesca e degli scontri con le imbarcazioni. I cefalorinchi di Maui adulti sono lunghi generalmente da 1,2 a 1,6 m e pesano intorno ai 50 kg. Hanno una pinna dorsale (superiore) arrotondata, la regione inferiore bianca e i fianchi grigi. I cefalorinchi di Maui compiono brevi immersioni (90 secondi) per nutrirsi di piccoli pesci e crostacei sul fondo dell’oceano.

I cefalorinchi di Maui sono i delfini marini più rari del mondo

Ecco la foto del The Maui´s dolphin (Cephalorhynchus hectori Maui)

The Maui´s dolphin (Cephalorhynchus hectori Maui)

Classificazione scientifica                Cephalorhynchus hectori
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Eutheria
Ordine Cetacea
Sottordine Odontoceti
Famiglia Delphinidae
Genere Cephalorhynchus
Specie C. hectori
Nomenclatura binomiale
Cephalorhynchus hectori
(Van Beneden, 1881)

Il Cephalorhynchus hectori, Cefalorinco di Hector è chiamato così in onore di Sir James Hector (18341907). Egli fu il curatore del Museo Coloniale di Wellington (ora Museo della Nuova Zelanda – Te Papa) ed esaminò il primo esemplare trovato di questo delfino.

Descrizione fisica:

Cephalorhynchus hectori, cefalorinco di Hector ha un rostro indistinguibile ed una pinna dorsale arrotondata. Le natatoie hanno le estremità appuntite ed i margini concavi. Il colore predominante è il grigio pallido, ma un’analisi più approfondita rivela un complesso miscuglio di colori. La fronte è grigia con striature nere. La punta del rostro è nera. La gola e il petto sono bianchi. Sopra di essi è presente una macchia grigio scura che corre dalle natatoie (anch’esse grigio scuro) agli occhi. Anche il ventre è bianco con una striscia che va dai fianchi fino a sotto la pinna dorsale. La maggior parte del dorso e i fianchi sono dello stesso grigio chiaro del rostro. Il peduncolo caudale è stretto.

Distribuzione:

Delfino di Hector è endemica in Nuova Zelanda, e ha una delle distribuzioni più ristretta di qualsiasi cetaceo (Dawson e Slooten 1988; Dawson 2002). E’ più comune fuori dell’Isola del Sud e la costa occidentale dell’Isola del Nord. Ci sono almeno tre popolazioni geneticamente distinte nella South Island, ed un’unica piccola popolazione dell’isola del Nord (C. h maui -.. Baker et al 2002). Si crede che le due popolazioni rimangano isolate l’una dall’altra dalle acque profonde dello stretto di Cook e della punta sud-occidentale dell’Isola del Sud. La specie sembra non amare o non essere in grado di attraversare aree di acque profonde.

Habitat e comportamento:

Le abitudini e la biologia dei delfini di Hector sono stati studiati approfonditamente negli ultimi due decenni, e questo è indubbiamente la specie più nota del genere (Dawson 2002). Si trovano in acque costiere poco profonde, quasi sempre all’interno di circa 15 km di costa e <100 m di profondità, fortemente concentrati in acque basse e torbide vicino alla costa nei mesi estivi, infatti vengono sempre avvistati a meno di 10 km dalla costa, e leggermente più a largo d’inverno con una certa dispersione (Slooten et al. 2006a). Foto-identificazione e studi hanno dimostrato che almeno alcuni individui sono residenti in aree di piccole dimensioni (circa 30 km di costa) per tutto l’anno (Slooten et al. 1993).

I cefalorinchi di Hector vivono in gruppi sciolti di circa due-otto esemplari. Sono animali attivi, amano seguire le scie e giocare con le alghe. Quando saltano fuori dal mare questi animali ricadono spesso nel solito luogo, creando uno schizzo rumoroso (i loro balzi verticali ed orizzontali sono molto meno rumorosi).

Riproduzione ed aspettativa di vita:

Alla nascita l’animale pesa 9 kg e raggiunge i 40-60 kg quando diventa adulto. Vivono per circa 20 anni.

Cephalorhynchus hectori, Cefalorinco di Hector

Alimentazione:

Il Cephalorhynchus hectori, Cefalorinco di Hector si nutre di diverse specie di piccoli pesci e calamari (Dawson 2002). La dieta è più varia sulla costa orientale dell’Isola del Sud (8 specie costituiscono l’80% della dieta), che sulla costa ovest (solo 4 specie rappresentano l’80%).

Nota: Alcuni squali predano i cefalorinchi di Hector.

Grave minaccia:

La specie è elencata nell’Appendice II della CITES. Il Delfino di Hector è sottoposto a gravi pressioni dalle attività umane, data la sua distribuzione limitata costiera. La minaccia principale per la specie in generale consiste negli intrappolamenti nelle reti da posta e la pesca a strascico che causano qualche mortalità. Il sessanta per cento di tutte le morti dei delfini di Hector dove la causa della morte è stata possibile determinare, sono gli intrappolamenti nelle reti. Si ritiene che dal 1970 questi intrappolamenti, che provocano una morte certa, siano i responsabili del declino della popolazione. Recenti analisi dei rischi per il Cephalorhynchus hectori ed il delfino di Maui, indicano che i livelli di mortalità sono insostenibili. Ulteriori minacce sono l’inquinamento, le malattie, traffico navale, e la modifica degli habitat.

Azioni di conservazione:

L’intera gamma è all’interno delle acque Nuova Zelanda, e quindi misure di conservazione nazionali sono discussi qui. Il governo della Nuova Zelanda ha creato due aree protette per promuovere la conservazione del Cefalorinco di Hector, e si pensa che queste aree hanno contribuito alla riduzione della mortalità negli ultimi anni. Nella penisola di Banks  è stata fondata nel 1988 la riserva marina con il nome di “Marine Mammals Protection Act” per proteggere il delfino di Hector. Questo ha fermato il declino della popolazione, ma non è stato ancora registrato un incremento. Anche altre minacce, come le collisioni con le eliche delle imbarcazioni, hanno impedito un ritorno alla stabilità. Il santuario Mammals di 1.170 km ² si estende a 70 miglia nautiche lungo costa intorno alla penisola di Banks al fiume Rakaia e fuori a 4 miglia nautiche al largo. La sua efficacia è stata compromessa dagli interessi dei pescatori sportivi e commerciali, e dal fatto che la distribuzione in mare aperto i delfini si estende oltre l’area protetta (Dawson e Slooten 1993). Nella penisola di Banks i delfini si trovano più al largo che altrove, probabilmente perché la batimetria si degrada in modo più graduale. Fino al 65% dei delfini nella zona si verificano al di fuori dei confini del santuario nei mesi invernali (Slooten et al. 2006a).

L’area protetta istituita per i delfini di Maui si estende per 210 miglia nautiche lungo la costa occidentale dell’Isola del Nord out a 4 miglia nautiche al largo. Anche se questa zona è stata chiusa al tramaglio ai sensi della legge nel settore della pesca nel 2003, la pesca con il tramaglio è continuata presso e dentro i porti, e la pesca a strascico è limitata solo entro il primo miglio nautico al largo.

Nel marzo 2004 il Dipartimento di Conservazione della Nuova Zelanda ha iniziato a testare un sistema di tracciamento satellitare per cetacei per monitorare tre cefalorinchi di Hector. Se questi movimenti potranno successivamente essere tracciati il sistema verrà utilizzato anche per la più minacciata sottospecie di Maui.

Nell’aprile 2007 il Fondo Mondiale per la Natura ha inviato una petizione online ad Helen Clark per introdurre misure d’emergenza allo scopo di proteggere i cefalorinchi di Hector e di Maui.
Le discussioni tra il Ministero della pesca e del Dipartimento di conservazione sono attualmente (inizio 2008) in corso per sviluppare un piano di gestione più completo.  Le aree protette, riduzione dell’attività di pesca con reti da posta ed i cambiamenti nei metodi di pesca sono stati raccomandati come necessari per garantire la sopravvivenza della specie a lungo termine. Le riunioni delle parti interessate hanno portato alla conclusione che la mortalità per la pesca deve essere ridotta a zero per permettere alle sottospecie dell’Isola del Nord di recuperare. Molte altre piccole sottopopolazioni (100 individui o meno) sono ad un rischio simile dagli intrappolamenti nelle reti. Recenti indagini (Dawson et al. 2004, Slooten 2005, Slooten et al. 2006a, b) indicano che la limitazione della pesca reti da posta nelle acque di> 100 m di profondità avrebbe un grande vantaggio in termini di riduzione delle catture accessorie. Nelle acque <100 m di profondità sarebbe anche opportuno istituire programmi di osservazione su qualsiasi pesca a strascico che operano in habitat dei delfini di Hector.

 


Dauphin d’Hector (Cephalorhynchus hectori) di NoahworldOfficial

In questo filmato si può ascoltare il loro verso

“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.