Crea sito

Enteropneusta, Verme Ghianda, Acorn worm

Enteropneusta

Enteropneusta, Verme Ghianda, Acorn worm

Dal punto di vista evolutivo, gli enteropneusti, una specie scoperta di recente, sono fossili viventi: fanno parte di un gruppo di animali poco conosciuti che potrebbero rappresentare un anello di congiunzione tra gli invertebrati e i primi vertebrati.

Appartenenti al Phylum degli Emicordati, la classe dei Enteropneusta raccoglie un gruppo di animali mobili simili a vermi. Vivono nei fondali sabbiosi e servendosi di una proboscide posta vicino alla bocca, scavano dei cunicoli. Il flusso d’acqua entra per la bocca attraversando le camere branchiali, e fuoriesce attraverso le fessure branchiali, il restante finisce nel tubo digerente. Il flusso è a senso unico.

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Hemichordata
Classe Enteropneusta

Il phylum degli emicordati, a cui appartengono gli enteropneusti (classe), è considerato il parente più stretto di quello dei cordati, che comprende, tra gli altri, tutti gli animali dotati di colonna vertebrale, compresi uccelli, pesci e mammiferi. “Migliorare le nostre conoscenze sugli enteropneusti ci permette di capire meglio la morfologia dei primissimi cordati, che probabilmente discendevano dallo stesso antenato comune”, sostiene Osborn.

Ci sono circa 90 specie di verme ghianda nel mondo, alcuni di questi possono crescere fino ad essere molto lunghi, una specie in particolare, può raggiungere una lunghezza di 2,5 metri, anche se la maggior parte sono molto, molto più piccoli.

Un genere, Balanoglossus , è anche conosciuta come il verme lingua .

Enteropneusta, Verme Ghianda, Acorn worm

Anatomia

La maggior enteropneusti vanno da 9 a 45 centimetri di lunghezza, con le più grandi specie, gigas Balanoglossus, che raggiungengono 1,5 metri (5 piedi) o più. Il corpo è costituito da tre parti principali: una ghianda a forma di proboscide, un collo corto carnosa che sta alle spalle, ed un lungo tronco vermiforme. La bocca della creatura si trova al colletto dietro la proboscide.

La pelle è ricoperta da ciglia così come le ghiandole che secernono muco . Alcuni producono un composto di bromuro che dà loro un odore medicinale e li protegga dai batteri e dai predatori. L’ Enteropneusta si muove solo lentamente, usando l’azione ciliare e la peristalsi della proboscide.

acorn worm Anatomia

Balanoglossus Struttura della regione branchiale – bc, celoma tb, lingua-bar ds, mesentere pr, cresta vv, vaso gp, Gill-pori dn, dv nervo dorsale, vaso œ, esofago vs, mesentere………. vn, nervoso ventrale.

Balanoglossus – Struttura della estremità anteriore -. Uno, da Arrow-proboscide cavità (pc) passando a sinistra del pericardio (per) e attraverso proboscide poro-canale b 1, freccia dal canale centrale di neurochord (cnc) passato attraverso neuroporo anteriore b. 2, idem;. attraverso neuroporo posteriore c, freccia destinata a passare dalla prima branchia-pouch attraverso il collare poro-canale nel collo-celoma (cc) cts, limite posteriore del collare dv, vaso dorsale passando per il centro di seno (bs).. . ev, vaso efferente passando nel vaso ventrale (vv). EPR, tubi epiphysial. st, stomochord. vs, setto ventrale della proboscide. sk, il corpo dello scheletro nucale. m, bocca. th, gola. tb, lingua-bar. tc, celoma del tronco.

Riproduzione

Gli enteropneusti sono dioiche, avendo separati i sessi biologici, anche se almeno alcune specie sono anche in grado di riproduzione asessuata . Hanno gonadi , che si trovano vicino alla faringe per rilasciare i gameti attraverso un piccolo poro vicino alle fessure branchiali. La femmina depone un gran numero di uova incorporate in una massa gelatinosa di muco, che vengono poi fecondati esternamente dal maschio prima che correnti d’acqua rompono la massa e disperdono le singole uova.

Nella maggior parte delle specie, le uova si schiudono in larve planctonici con corpi allungati coperti di ciglia. In alcune specie, queste si sviluppano direttamente in adulti, ma in altri, vi è un stadio intermedio di nuoto libero, indicato come una larva tornaria. Si tratta di un aspetto molto simile alla bipinnaria , larve di stelle marine , con fasce contorte di ciglia in tutto il corpo. Dal momento che lo sviluppo embrionale del blastula all’interno dell’uovo è anche molto simile a quella degli echinodermi , questo suggerisce una stretta filogenetica collegamento tra i due gruppi.

Dopo un certo numero di giorni o settimane, una scanalatura che si forma intorno al tronco larvale, con la porzione anteriore infine destinati a diventare proboscide, mentre la restante forma il collare e il tronco. Le larve poi si fermano e si trasformano in piccoli adulti assumendo lo stile di vita di scavatore. Alcune specie, come Saccoglossus kowalevskii , non hanno lo stadio larvale planctonico, cova direttamente come adulti in miniatura.

Enteropneusta – hemichordates- Worm Acorn scavatore e alimentazione

Stile di vita

Verme Ghianda o Acorn worm sono raramente visti dagli esseri umani a causa del loro stile di vita. Vivono in tane a forma di U sul fondo del mare, dalla battigia fino ad una profondità di 10.000 piedi (3.050 m). I vermi si trovano lì con la proboscide che spunta da un’apertura nella tana. Acorn worm scavatori sono generalmente lenti.

Per avere cibo , molti enteropneusti la ottengono da sabbia o fango che contiengono materia organica e microrganismi, lombrichi (questo è noto come l’alimentazione deposito). Un altro metodo che alcuni enteropneusti utilizzano per procurarsi il cibo è quello di raccogliere le particelle in sospensione di materia organica e microbi dall’acqua. Questo è noto come l’alimentazione sospensione.

Enteropneusta, Verme Ghianda, Acorn worm

Questa curiosa creatura fucsia, che può ricordare un fiore, appartiene in realtà a una nuova specie di enteropneusti, una classe di invertebrati simili ai vermi, ed è stata scoperta a circa 2.700 metri di profondità, vicino alla Dorsale medio-atlantica. Fa parte del bottino di due recenti spedizioni negli abissi, che hanno individuato più di una dozzina di nuove specie e almeno quattro nuovi generi di animali.

La ricerca getta nuova luce sugli enteropneusti, che finora si riteneva abitassero solo acque poco profonde, spiega Karen Osborn, biologa dell’evoluzione al Museo nazionale di Storia naturale della Smithsonian Institution di Washington e coautrice di uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the Royal Society B. “A un certo punto, alcuni enteropneusti di acque basse devono essersi inoltrati in acque più profonde, e col tempo la loro morfologia si è modificata per adattarsi alle sfide poste dal nuovo ambiente”.

Ad esempio, i “vermi” degli abissi hanno “labbra” molto lunghe che li aiutano ad afferrare le prede in un ambiente in cui il cibo è molto scarso. “Adesso quindi abbiamo un gruppo di specie abissali molto diverse per aspetto e comportamento da quelle che abitano acque basse”.

Enteropneusta, Verme Ghianda, Acorn worm

Un enteropneusta di una specie appena scoperta stende le sue “labbra”, lunghe quasi come tutto il corpo. Queste appendici sono coperte da minuscoli peli che raccolgono particelle di cibo sul fondo marino e le passano alla bocca dell’animale.

“Gran parte delle specie ha solo delle labbra poste su un collare che circonda la bocca. Ma nelle profondità marine il cibo di alta qualità scarseggia: con le labbra così lunghe gli animali possono selezionarlo più velocemente. È un po’ la differenza che c’è tra un piccolo tagliaerba e la grossa falciatrice a motore che si usa per i campi molto grandi”.

Gli enteropneusti sono privi di cervello, ossa e occhi, ma nella linea evolutiva sono più vicini all’uomo che ai vermi veri e propri.

Il colore di questo enteropneusta posato come un fiore sul fondo marino rappresenta una difficile sfida per gli scienziati che stanno studiando le nuove specie. “Che senso hanno questi colori sgargianti a profondità dove la luce non arriva? Non so spiegarlo”, dice Osborn. “Troviamo rossi e viola accesi in altre specie di vermi che vivono tra i 500 e i 1.000 metri di profondità: qui, dove l’illuminazione è molto scarsa, quei colori appaiono neri, e quindi possono servire alle specie per camuffarsi”. “Ma a profondità maggiori, dove la luce è completamente assente – tranne quella prodotta da organismi viventi – non sembra esserci alcuna ragione di sprecare energie preziose per dotarsi di colori brillanti che niente e nessuno vedrà”, prosegue la studiosa. “Un motivo ci sarà, ma dobbiamo ancora scoprirlo”.Enteropneusta, Verme Ghianda, Acorn worm

Una specie di enteropneusta appena scoperta galleggia nella colonna d’acqua, una capacità che questi animali hanno sviluppato per sopravvivere nelle acque profonde.

Grazie al loro corpo delicato e gelatinoso, queste creature vermiformi riescono a sollevarsi fino a 20 metri al di sopra del fondo marino e anche a muoversi in cerca di cibo.

All’inizio gli studiosi sono rimasti molto sorpresi da questa capacità. “Non lo chiamerei nuoto, ma galleggiamento controllato”, spiega la biologa Karen Osborn. “Usano l’apparato digerente come una zavorra: espellono tutti i sedimenti e la sabbia e fanno dei ‘palloni’ di muco con cui si sollevano dal fondo. Dopo di che assumono posizioni molto specifiche che permettono loro di galleggiare al meglio. Alla fine, lasciano andare la bolla di muco e si raddrizzano di nuovo”.

Enteropneusta, Verme Ghianda, Acorn worm

Enteropneusta in cerca di cibo lascia una caratteristica scia a zig-zag sui sedimenti del fondo marino. Questi segni hanno aiutato gli studiosi a scoprire le nuove specie e a valutare la loro importanza per l’ecosistema degli abissi, spiega la biologa Karen Osborn.
“Abbiamo esaminato alcuni video ripresi da altri veicoli sottomarini, e abbiamo scoperto le piccole tracce lasciate dai vermi in ogni bacino oceanico”, aggiunge la studiosa.

I primi enteropneusti erano stati avvistati già negli anni Settanta, ma la fragilità dei loro corpi gelatinosi non consentiva di prelevarli dal fondo marino. Negli ultimi anni, però, i progressi dei veicoli telecomandati e della tecnologia delle riprese sottomarine hanno consentito agli scienziati di identificare nuove specie e di osservare il loro comportamento.

Enteropneusta, Verme Ghianda, Acorn worm

Enteropneusta, Verme Ghianda, Acorn worm

Lo studio conferma che questo enteropneusta, già osservato in passato, appartiene a una nuova specie. Probabilmente nei mari di tutto il mondo vivono ancora molte specie da scoprire, afferma Osborn.
“È un ottimo esempio della quantità di informazioni sugli oceani che dobbiamo ancora raccogliere”, sostiene la studiosa. “Il nostro impatto sugli oceani è molto pesante, dal riscaldamento globale alla pesca eccessiva all’inquinamento, eppure non conosciamo ancora i principali gruppi di animali che abitano nelle loro profondità”.

 
 “Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.