Crea sito

Goletta Thomas W. Lawson -primo disastro ecologico in mare

Goletta Thomas W. Lawson

Goletta Thomas W. Lawson 

La Thomas W. Lawson, 100 anni dal naufragio
(articolo N. 19 della categoria *Velieri*: per cercare altri articoli potete utilizzare “Cerca nel Blog” )
La prima fuoriuscita di olio e petrolio di grandi dimensioni in mare. Potremmo dire il primo disastro ecologico dei tempi moderni

Nei primi anni del 1900 ci fu un’incredibile corsa al “sempre più grande” che vide nascere nel primo decennio una discreta flotta di navi a vela con un numero sempre crescente di alberi, prima 4 poi 5, 6 ed in fine la Thomas W. Lawson, unica goletta mai costruita con ben 7 alberi :trinchetto, maestro, mezzana, spanker, jigger, driver, pusher ; dato il tipo di velatura, erano tutti delle medesime dimensioni e sopportavano, è il caso di dirlo visto il risultato finale, sette grandi vele auriche (le rande), sette “frecce” o controrande, cioè le vele triangolari poste alle estremità superiori degli alberi, cinque fiocchi a prua e sei vele di straglio, inserite su stralli tesi fra un albero e l’altro.

Thomas W. Lawson il suo viaggio inaugurale nel 1902

La Thomas W. Lawson era un sette alberi, goletta, con scafo in acciaio originariamente previsto per il commercio del Pacifico, ma poi utilizzato principalmente per trasportare il carbone e petrolio lungo la costa orientale degli Stati Uniti . Costruito nel 1902, la nave detiene il primato di essere la goletta più grande e la più grande nave a vela pura (senza motore ausiliario) mai costruita. Le imbarcazioni a vela più grandi con motori ausiliari per la propulsione, sono la Francia II (1911) che era un veliero francese (il secondo di questo nome) che è stata la seconda nave, a vela, mercantile commerciale più grande mai costruita e il tedesco RC Rickmers (1906), entrambi barca (tipo di nave a vela con tre o più alberi) a cinque alberate.

Goletta Thomas W. Lawson

Le specifiche tecniche sono qualcosa di impressionante, la nave era lunga 145 metri, larga 15, alta 58 metri e pescava ben 10 metri a pieno carico; il dislocamento superava le 5200 tonnellate ed era spinta unicamente dalle 25 vele che coprivano più o meno 4300 metri quadrati di superficie (più o meno un campo da calcio) e da sole pesavano 18 tonnellate. Velocità 16 nodi.

Il Thomas W. Lawson, con l’incredibile sproporzione fra le dimensioni notevolissime dello scafo e la pochezza della velatura, non poteva certamente avere doti di velocità e maneggevolezza. La velatura a goletta aveva il vantaggio di necessitare di pochi uomini per la manovra. Sul Lawson venne adottato lo stesso principio, portato alle estreme conseguenze. Infatti solo 15 uomini erano addetti alle manovre delle vele; 15 marinai, sia pure aiutati da 6 verricelli a vapore, per condurre e governare uno scafo di  145 m di lunghezza.

Ben presto emerse l’impossibilità di utilizzare proficuamente tale gigante. Gli stessi uomini d’equipaggio assicuravano che la nave era più pesante di un vascello di linea del XVII secolo e altrettanto immanovrabile. Il disegno dello scafo, in acciaio, era di M. Crowninshield, architetto navale di Boston.

Profondamente caricato nel porto di Boston, scafo dipinto di nero, foto scattata nel 1906 o 1907.

La Thomas W. Lawson purtroppo ebbe vita breve : Il 13 dicembre 1907 fu preso in una successione di tempeste con vento talmente forte da spingere il bastimento a 12 nodi senza vele ed è stato distrutto al largo dell’isola disabitata di Annet , nelle isole Scilly , la mattina del 14 dicembre 1907, uccidendo tutti, ma due dei 18 uomini dell’equipaggio (il pilota professionista William Hicks avendo familiarità con la zona era già a bordo della nave) si salvarono: Il capitano George W. Dow e l’ingegnere Edward L. Rowe di Boston furono gli unici sopravvissuti probabilmente perché riuscirono a salire sul ponte del sartiame e saltare in mare prima che la nave si capovolgesse.

Il suo carico di 58.000 barili di olio di paraffina ha provocato un enorme fuoriuscita di petrolio sulle isole Scilly, probabilmente la pima fuoriuscita di olii, di grandi dimensioni, da una nave della storia moderna.

Vediamo qualche dettaglio del disastro: Il 27 novembre 1907 la Thomas W. Lawson salpò da Philadelphia con un carico di 58.000 barili di cera acetite (chiamato anche kerosene, utilizzato principalmente per l’illuminazione) nella stiva per Londra. Per il viaggio era stata noleggiata dalla Anglo American Oil Company, una controllata di Standard Oil . Una brutta traversata  ed abbastanza terribile a causa delle cattive previsioni di tempo. Hanno perso mezzi di salvataggio, ecc. E ‘stato un viaggio pieno di incidenti.

Thomas W. Lawson -Salvagente nel Museo Valhalla in Tresco Abbey Gardens , Isole Scilly .National_Maritime_Museum,

Il Venerdì 13 dicembre, la nave era non lontano dalla costa inglese, in particolare al largo delle isole Scilly, quando è fu sorpresa da una tempesta molto forte. La zona era davvero pericolosa, perché era pieno di rocce parzialmente sommerse, e quando venne la notte il capitano decise di ancorare la barca, in attesa di un miglioramento. (ma le due ancore non potevano bloccare un bestione del genere).

Nel frattempo, dalle vicine isole di St. Agnese e S. Maria, alcune persone realizzato il pericolo per l’equipaggio della W. Thomas Lawson, inviarono una scialuppa di

El Thomas W. Lawson en un sello de Djibouti

salvataggio. Quando raggiunsero la loro altezza fu stato chiesto se avessero bisogno di aiuto, ma la risposta fu negativa. Consapevoli del pericolo, gli uomini della lancia ripetettero la domanda, e questa volta il capitano disse che forse poteva essere utile un pilota con familiarità della zona. Poi William Hicks, un pilota professionista che era in barca, salì a bordo della Lawson. Ma in realtà si poteva fare ben poco, solo aspettare e sperare in un miglioramento del tempo.

Durante la notte la tempesta si fece più forte, e la catena dell’ancora si ruppe, quindi la nave fu in balia del vento che spingeva contro le rocce. Per quasi un’ora l’equipaggio cercò invano di ottenere il controllo della nave. Si aprirono diverse grandi falle fino a quando la nave si capovolse ed affondò. Il carico è stato rilasciato, e migliaia di barili di petrolio finirno in mare.

La nave giace a circa 25 metri di profondità ed è esplorabile dai subacquei.

Mappa Scilly -Isole Scilly, nella parte sud-ovest dell'Inghilterra

thomas_w_lawson -Immagine attuale delle Isole Scilly, con rocce molto pericolosi per la navigazione

Il nome

Il nome della nave è per Thomas William Lawson(26 febbraio 1857 – 8 febbraio 1925), il “barone di rame”, un milionario di Boston, un imprenditore, autore di libri, e presidente a quel tempo della Boston “Bay State Gas Co.” Spesso criticata da scrittori marini (ed alcuni marinai) perchè considerata difficile da manovrare e lenta (sono stati fatti confronti con una “vasca da bagno” ed una “balena spiaggiata” ),

Barone Thomas_W._Lawson

il Thomas W. Lawson si ritrovava problematico nei porti per le manovre a causa della quantità di acqua che spostava. Si tendeva a trainarla ed aveva bisogno di un forte vento. Originariamente costruita per il commercio del Pacifico, la goletta è stata utilizzata come collier (nave da carico alla rinfusa per il trasporto di carbone , in particolare per uso navale per navi da guerra a carbone) lungo la costa orientale americana. Un anno dopo, nel 1903, Crowley la ritira dal commercio del carbone. Aveva rimosso gli alberetti, boma e tutti gli altri pennoni in legno e l’aveva noleggiata come una chiatta per il trasporto del petrolio. Nel 1906, era stata adattata per la vela al cantiere Newport News Shipbuilding and Company Drydock e per l’uso come trasporto di olii (gli alberi d’acciaio inferiori adattati per far sfogare i gas di petrolio dalle stive). La sua capacità era di 60.000 barili. Secondo Oil Company Dom , era prima nave al mondo a vela pura, il trasporto di petrolio alla rinfusa dal Texas alla costa orientale.

La Thomas W. Lawson dipinta da Thomas H. Willis

 

Goletta Thomas W. Lawson

Goletta (ship) Thomas W. Lawson

 
 “Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.