Get a site

Phronima sedentaria ,Il ladro di meduse

Phronima sedentaria ,Il ladro di meduse

Fotografia di H. Bahena, Felder, D. L. e Camp, D. K. (eds.) 2009. Gulf of Mexico­Origins, Waters, and Biota. Vol. 1. Biodiversity. Texas A&M Press, College Station, Texas.

Phronima sedentaria ,Il ladro di meduse

Il crostaceo Phronima sedentaria ha l’abitudine di attaccare e svuotare il “guscio” di un piccolo organismo trasparente simile a una medusa (Salpa aspera) per crearvi la sua dimora (nella foto).

Il piccolo crostaceo vi depone quindi le uova e, quando queste si schiudono, esce dal guscio trasparente e lo trascina con le sue zampe uncinate.

L’habitat di questo crostaceo dalle bizzarre abitudini è il Golfo del Messico, tra le cinque zone con maggiore biodiversità analizzate nel nuovo censimento. Le altre quattro sono la Cina, il Mediterraneo, l’Australia e il Giappone.

L’Australia e il Giappone, ad esempio, ospitano circa 33.000 specie ognuna, mentre regioni con minore biodiversità come il Baltico o gli USA nordorientali ospitano ognuna circa 4.000 specie conosciute.

Alla classe degli anfipodi appartengono crostacei che, generalmente, presentano il corpo appiattito lateralmente.
Tra essi vi è il piccolo Phronima sedentaria, un crostaceo planctonico che si è specializzato a vivere all’interno di altri organismi.
In particolare si può trovare all’interno della tunica di taliacei, soprattutto pirosomi, dove riesce a vivere, secondo alcuni, dopo essersi cibato dei tessuti e degli organi interni dell’ospite (taliaceo)  o, secondo altri,  sfruttando le tuniche di salpe morte come rifugio o ancora divenendo commensale di queste ultime.
Si tratta comunque di un animale carnivoro che si nutre di piccoli organismi planctonici e può raggiungere i 4 centimetri di lunghezza anche se, solitamente, non supera i 2,5 centimetri di lunghezza.
Dopo l’accoppiamento depone le uova nel suo rifugio e pare possa viverci anche con una compagna.
Ha un capo molto voluminoso su cui si osservano occhi molto grandi.
E’ anche capace  di nuotare con le appendici che spuntano  dalla  tunica.

“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.