Crea sito

Racconti di mare nave in avaria

Racconti di mare nave in avaria

Racconti di mare nave in avaria - Nave frigorifero

Racconti di mare nave in avaria – Nave frigorifero

Racconti di mare nave  in avaria

(Articolo n. 33 nella categoria *Racconti di mare* : cercare altri articoli in “Cerca nel Blog” o In ”Naviga in Filmati di Mare” opp. sulle barre blu in alto)

Un racconto di mare, una storia di fantasia con un finale inaspettato ed una morale significativa.

Un racconto di una grande nave, come ne esistono tante, che trasportano per il mondo merci di ogni tipo e natura alla quale accadde un inconveniente non si sa se tecnico, tecnologico o altro.

Il “nostro” bastimento è una nave frigorifero ormeggiato ad uno dei grandi moli del gigantesco porto di Singapore in attesa di essere caricata delle molte merci che doveva trasportare a New York. Era previsto uno scalo al porto di Napoli per caricare altre merci ed effettuare la transoceanica velocemente in quanto i beni erano deperibili.

Il porto di Singapore è tra i più trafficati al mondo ed anche tra i più attrezzati, con moli enormi e sovrastrutture incredibili. Prima di salpare per Napoli conosciamo un pò Singapore.

Racconti di mare - Una parte del porto di Singapore

Racconti di mare – Una parte del porto di Singapore

Qui sotto la lista dei porti merci piu’ attivi del mondo secondo Drewry. I valori sono espressi in TEU, un’unita’ usata per misurare i cargo delle navi mercantili.

Posizione Citta’ Paese Migliaia di TEU scambiate nel 2008
1 Singapore Singapore 29,918,100
2 Shanghai Cina 27,882,100
3 Hong Kong Cina 24,494,000
4 Shenzhen Cina 21,346,800
5 Ningbo Cina 11,219,200

Singapore, ufficialmente Repubblica di Singapore, in Cinese 新加坡共和国,  in Malese Republik Singapura, in Tamil சிங்கப்பூர் குடியரசு), è uno Stato insulare del sud-est asiatico, situato sulla punta meridionale della penisola malese; si trova 152 km a nord dell’equatore.

A nord è separato dalla Malesia dallo Stretto di Johor, a sud è separato dall’isola indonesiana di Riau dallo Stretto di Singapore.

Racconti di mare nave in avaria - Flag of Singapore

Racconti di mare nave in avaria – Flag of Singapore – 新加坡国旗 (Xīnjiāpō guóqí) – Bendera Singapura – சிங்கப்பூரி்ன்கொடி

La città-Stato è il quarto principale centro finanziario del mondo ed è una delle principali città cosmopolite del globo, con un importante ruolo nel commercio internazionale e nella finanza, e il suo porto è tra i primi cinque per attività e traffico su scala mondiale.

Racconti di mare nave in avaria - Stemma di Singapore - simbolo araldico ufficiale del paese adottato nel 1959

Racconti di mare nave in avaria – Stemma di Singapore – simbolo araldico ufficiale del paese adottato nel 1959

Singapore è un Paese con una lunga storia di immigrazione. Ha una popolazione variegata e i più di 5 milioni di abitanti sono composti prevalentemente da cinesi, malesi, indiani ed altre discendenze di asiatici ed europei. Il 42% della popolazione è straniero, qui presente per lavoro o studio. I lavoratori stranieri costituiscono il 50% del settore dei servizi. Singapore è il secondo Paese più densamente popolato del mondo dopo il Principato di Monaco e nel 2009 ha raggiunto la più alta concentrazione di milionari in rapporto alla popolazione, davanti a Hong Kong, Svizzera, Qatar e Kuwait.

Racconti di mare nave in avaria - Porto di Singapore

Racconti di mare nave in avaria – Porto di Singapore

Conosciamo la “nostra” nave frigorifero

Navi Frigorífere: Queste navi cominciarono a navigare a partire dalla fine della seconda guerra mondiale, quando fu risolto il problema dell’ isolamento termico delle stive e l’installazione di gruppi refrigeranti.

Dipendendo dal tipo di carico, la temperatura costante oscilla tra i 12ºC necessari per il trasporto delle banane, e i -15ºC e -30ºC per la frutta e il pesce congelato. La sua capacità stà dentro i 100 e 600 mila piedi cubici.

Si caratterizzano esteriormente per avere una coperta sovrastata dal ponte di comando e varie gru di non più di 5/10 Tm che si incaricano di movimentare la merce dalle stive.

Normalmente sono pitturate con il colore bianco ( per via del riflesso dei raggi solari che non rialzino la temperatura) così da tenerla bassa.

Hanno una linea fine e una elevata potenza per raggiungere alte velocità, inusuali per gli altri tipi di navi.

La storia

Dopo aver effettuato il carico la nave salpa alla volta di Napoli per completare il carico stesso con le altre merci attese a New York. Dopo alcuni giorni attracca a Napoli e le operazioni portuali iniziano subitaneamente. Ha solo ventiquattro ore di tempo o poco più per caricare le altre derrate.

Il giorno dopo tutto è pronto si può partire!

Ma i potenti motori non vogliono saperne di partire. Il capitano in plancia osseva tutte le apparecchiature, controlla i vari dispay e manometri inutilmente.

In breve tempo sale in plancia l’ufficiale tecnico ed in breve successione vari tecnici ed infine anche il motorista. Nessuno riesce a capire quale fosse l’anomalia.

Si deve prendere atto che la nave è in avaria ed a questo punto la preccupazione e l’ansia assale l’equipaggio responsabile ……….. le merci sono deperibili! E’ una unità figo e quindi per un tempo limitato il carico potrebbe non subire danni, ma si incomincia a sospettare un guasto elettronico che potrebbe far saltare anche altre schede e circuiti compresi quelli che forniscono  elettricità ai frigo. Il carico vale qualche milione di dollari senza contare le grosse penali da pagare per eventuale ritardo delle consegne.

Siamo al 15 di luglio ed a Napoli fa molto caldo e questo certo è un elemento che aumenta la preocupazione generale pensando ad un blocco dei frigo.

Il capitano e il suo secondo sono impotenti e chiamano repentinamente degli esperti di Napoli per la risoluzione del problema o peggio dei problemi.

Anche questi tecnici specializzati, dopo qualche ora di accurata ricerca, sono costretti con rammarico ad arrendersi!

Ormai è quasi notte e le ore di ritardo sono già dodici. La preoccupazione e l’ansia di tutti gli ufficiali è diventata insostenibile.

Al comandante non resta altro che mettersi in contatto con la società armatrice che a sua volta coinvolge il cantiere costruttore negli ingegneri che conoscono tutto della nave da loro progettata e costruita.

Il giorno dopo un aereo privato porta un nutrito gruppo d’ingegneri e tecnici di grande capacità e professionalità a Napoli. Quando l’aereo atterra a Capodichino abbiamo accumulato già un ditardo di ben ventotto ore.

Gli esperti, tutti in camice candido, sicuri di loro stessi e delle loro conoscenze si mettono subito al lavoro: aprono pannelli, analizzano circuiti, testamo un numero enorme di schede elettroniche, ma ogni cip sembra perfetto come appena uscito dalle fabbriche.

Mano a mano che passano le ore la sicurezza degli ingegneri scema sempre di più sfociando in delusione senza limiti.

Tra le caratteristiche di questa unità abbiamo già notato “una linea fine e una elevata potenza per raggiungere alte velocità, inusuali per gli altri tipi di navi”.  Altro che alte velocità, importante esigenza per una nave frigorifero, qui dopo trentasi ore si è ancora alla fonda.

Tutto è perduto: molti milioni di dollari tra penali e deterioramento delle merci!

Racconti di mare nave in avaria - PASQUALINO

Racconti di mare nave in avaria – PASQUALINO

In questo scenario di sconforto si presenta al capitano il cuoco di bordo, Pasqualino di Napoli, con un mestolo in una mano, il cappello bianco classico dei cuochi messo in testa un pò di traverso e dopo un attimo d’esitazione si rivolge al comandante con un sorriso e parlando in napoletato stretto disse ” capitano mio cugino, Gennaro, che abita qui vicino nei bassi è stagnaro (idraulico) possiamo farlo salire a bordo a vedere se può fare qualcosa?” Tutti lo guardano con aria di sufficenza ed il capitano, anche per stanchezza e stress, alzò le spalle dando una sorta di consenso forse pensando “tanto!”

Un’oretta dopo in lontananza sul molo spunta Gennaro con la sua tuta a bretelle ed una cassetta  in metallo con i suoi attrezzi nella mano sinistra.

Si avvicina alla passarella e sale a bordo senza proferir parola. Chiede solo di accedere alla sala macchina.

Guarda dei tubi in alto, prende un grosso martello, quasi una mazzetta, e comincia a scorrere vari tubi dando dei piccoli colpi. Improvvisamente si fissa su un punto preciso della tubatura guardando con attenzione. Riprende il suo procedere con colpettini, ma dopo pochi metri torna deciso al punto che aveva fissato prima. Qualche altro colpettino e poi con un ampio movimento del braccio un colpo molto forte ed assordante ………… ed i motori partono subitaneamente.

Lo stupore generale è tale da non potersi descrivere, ma la gioia è così grande che forse nessuno si è chiesto come fosse possibile, come avesse fatto!

Il capitano con aria di grande riconoscenza ringraziò Gennaro chiedendogli quanto volesse per il suo intervento.

Gennaro rispose “un milione di euro” al che il comandante ribattè “un milione per una martellata?” Gennaro precisò ” no non è così, il conto è un euro per la martellata e 999.999,00 per il come “

Racconti di mare nave in avaria - GENNARO

Racconti di mare nave in avaria – GENNARO

“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.