Crea sito

Steno bredanensis,Steno,Delfino dai denti rugosi,Rough-toothed dolphin

Steno bredanensis -Nella foto potete vedere le tre caratteristiche fisiche di questa specie, come lo sono gli occhi e le pinne pettorali più di grandi dei normali delfini della stessa dimensione e la mancanza di scale frontali.Tutto questo dà un pò un'idea di come si è evoluto il defino: è un po' prestorico.

Steno bredanensis, Steno o delfino dai denti rugosi, 
Nome inglese: Rough-toothed dolphin, Nome tedesco: Rauzahndelfin
Nome russo: грубо зубчатые дельфин, Nome francese:  Dauphin à bec étroit
Nome spagnolo: delfín de hocico estrecho, delfin de dientes rugosos

Questo articolo fa parte della nostra serie nella categoria:*DELFINI nel mondo*

Il  delfino Steno bredanensis è una specie socievole, cetaceo odontoceto  appartenente alla famiglia Delphinidae di grosse dimensioni.

La specie fu descritta da Georges Cuvier nel 1823. Il genere nome di Steno, di cui questa specie è l’unico membro, deriva dal greco per ‘stretta’, riferendosi al becco dell’animale – che è una caratteristica diagnostica della specie. Il nome specifico commemora van Breda, che curò gli scritti di Cuvier.

Non ci sono sottospecie riconosciute.

Classificazione scientifica                 Steno bredanensis
Regno: Animalia
Phylum: Chordata
Classe: Mammalia
Sottoclasse: Eutheria
Ordine: Cetacea
Sottordine: Odontoceti
Famiglia: Delphinidae
Genere: Steno
Specie: S. bredanensis
Binomio
Steno bredanensis
G. Cuvier in Lesson , 1828

Steno bredanensis, Steno, Delfino dai denti rugosi, Rough-toothed dolphin

Descrizione fisica:

Lo Steno bredanensis è una specie relativamente grande, con gli adulti che vanno da 2 metri a 280 centimetri  di lunghezza, il peso compreso tra 90 e 155 chilogrammi (200 e 340 lb), i maschi sono più grandi delle femmine. La sua caratteristica più evidente è la testa conica ed il naso sottile, gli altri delfini hanno un muso più corto. Il nome comune per la specie, delfino dai denti rugosi, nasce dai denti, sono anche un distintivo, che hanno una superficie ruvida formata da numerose creste irregolari strette. E’ stato segnalato per avere tra i diciannove e ventotto denti in ogni terzo della mandibola.

Le pinne sono impostate più indietro lungo il corpo rispetto agli altri delfini simili.  Lo Steno bredanensis in mare può essere confuso con ogiva , maculati e tursiopi . La pinna dorsale è da 18 a 28 centimetri di altezza. I fianchi dell’animale sono un grigio chiaro, mentre la parte posteriore e la pinna dorsale sono un grigio molto scuro. I soggetti più anziani hanno spesso parti rosate, giallo o bianco intorno alla bocca e lungo la parte inferiore.

Lo Steno bredanensis di solito è un delfino che nuota in scuole di 10-20 individui, anche se gruppi di 50 o più sono stati segnalati. E’ stato visto a volte in migrazioni ad alta velocità, con i loro becchi in superficie e le loro pinne dorsali sopra l’acqua, per periodi di tempo piuttosto lunghi; Il delfino non è mai stato osservato seguire le scie, ma compie lo “skim” – nuota, cioè, con la testa e il mento sulla superficie dell’acqua. Quindi con lo ‘Skimming’ cavalca le onde di prua, ma non come avviene comunemente come le altre specie di delfini. Vive in acque profonde al largo, e la conoscenza della sua gamma è più da segnalazioni di spiaggiamenti e di avvistamenti in mare. Lo Steno bredanensis ha occhi grandi, che possono migliorare la visione quando fa immersioni profonde.

Si pensa che possa vivere circa 32 anni.

Habitat:

Lo Steno bredanensis vive in acque pelagiche e oceaniche e profonde acque calde e tropicali di tutto il mondo.. Tutti gli avvistamenti si sono verificati nei mari con temperature superficiali superiori a 25 ° C.

Il delfino dai denti rugosi è stato visto regolarmente con le balene pilota e delfini tursiopi e, occasionalmente, avvistato con i delfini Spinner (Leatherwood & Reeves 1983), tutti elencati cetacei ai sensi della legge EPBC 1999.

Può rimanere in immersione per lunghi periodi rispetto ad altri delfini.(fino a 15 minuti)

Steno bredanensis, Steno, Delfino dai denti rugosi, Rough-toothed dolphin

Alimentazione:

I dati limitati in materia di alimentazione indicano che la dieta dello Steno bredanensis comprende pesci pelagici, polpo, calamari e pesci di barriera, ed i più grandi pesci catturati in acque profonde (Ross 2006).

La sua notorietà è per rubare esche e pesci fuori le lenze di pesca e lo rende impopolare con molti pescatori ricreativi e commerciali (Reeves et al. 2003). Questo può portare a catture accidentali. Inoltre, l’associazione regolare con le scuole di tonno pinna gialla e di tonnetto striato, più il dorado (Lampuga / Mahi Mahi), può farlo suscettibile di impigliamento in reti da circuizione previste per queste specie ittiche. Si è a conoscenza di numerose catture avvenute in altri mari caldi, anche se si tratta solitamente di catture accidentali.

Distribuzione:

La distribuzione e la popolazione dello steno sono scarsamente conosciute. La maggior parte delle attività di ricerca riguardanti il delfino sono state compiute nell’oceano Pacifico orientale, dove è stata ottenuta una stima di 150.000 esemplari e circa 850 nel nord del Golfo del Messico (Waring et al. 2001). Al largo del Giappone di tanto in tanto viene catturato per i prodotti alimentari tramite la pesca con arpione che potrebbe influenzare negativamente per la popolazione locale. Storicamente numeri più piccoli è per le morti nelle reti a circuizione per la cattura del tonno al largo del Pacifico orientale (Leatherwood & Reeves 1983). Tuttavia, queste piccole mortalità segnalate probabilmente hanno avuto effetti significativi sulla dimensione della popolazione mondiale.

Non ci sono stime di dimensioni della popolazione, globalmente o per l’Australia, per cui la proporzione della popolazione mondiale in acque australiane è sconosciuta. Lo Steno bredanensis è da ritenersi raro per tutta la loro gamma, le difficoltà di identificazione potrebbe significare che l’abbondanza è sottovalutata. Questa specie può quindi essere più comune nelle acque australiane di quanto si creda (Bannister et al. 1996). E’ probabile che il Delfino dai denti rugosi si sposta tra Australia ed altri paesi a causa della mancanza di barriere di acque profonde.

Popolazioni di dimensioni sconosciute esistono nel mar Mediterraneo e mar dei Caraibi ed oceani Atlantico, Indiano e Pacifico. Avvistamenti di esemplari vivi oltre la piattaforma continentale vengono compiuti quasi ovunque.

La popolazione non è ritenuta minacciata dalle attività umane.

Riproduzione:

L’informazione biologica si basa su informazioni limitate. Perrin 1994; Perrin & Reilly 1984). La maturità sessuale viene raggiunta a circa 14 anni e 2,25 m per i maschi e 10 anni e 2,20 m per le femmine. Maturità fisica viene raggiunta a circa 16 anni.

La lunghezza del piccolo di Steno bredanensis alla nascita è di circa 1,0 m. Non ci sono informazioni sull’età o la lunghezza allo svezzamento. Non sono noti nemmeno l’intervallo tra i parti e la stagione degli amori ed il periodo di gestazione  (Ross 2006). Non ci sono aree di parto conosciute in acque australiane (Bannister et al 1996;. Perrin & Reilly 1984). Tuttavia, si suppone, che l’intervallo tra un parto e l’altro sia di due o tre anni che porta ad una capacità riproduttiva lenta.


Le Steno rostré ou Dauphin à bec étroit… di goyeau


“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.