Get a site

Storia del termine Barca ,bark, corteccia, barque, barco

Un brigantino a tre alberi (foto inizi del 20 ° secolo) nave a vela non identificata

 Storia del termine barca ,bark o corteccia

Brigantino a palo. Una barca, bark, o corteccia è un tipo di imbarcazione a vela con tre o più alberi.

La barca parola sembra provenire dalla parola greca Baris, un termine per indicare una barca egiziana. Questa è entrata in latino come barca, che ha dato origine alla barca italiana, spagnola barco, e la chiatta francese e barque. In latino e in italiano il termine barca si riferisce a una piccola barca, non un nave di grandi dimensioni. L’influenza francese in Inghilterra ha portato all’utilizzo in inglese di entrambe le parole, anche se i loro significati ora non sono la stessa cosa. Ben prima del XIX secolo una chiatta era interpretata come una piccola imbarcazione delle acque costiere e fluviali. Qualche tempo dopo, una corteccia divenne una nave a vela di un impianto distintivo come di seguito dettagliato. In Gran Bretagna , dalla metà del XIX secolo, l’ortografia aveva assunto la forma francese di barque. Francis Bacon utilizzato questa forma della parola, come già nel 1605. Per tutto il periodo della vela, la parola è stata usata anche come un accorciamento della barca-longa del Mar Mediterraneo.

La convenzione usuale è che la barca ortografia si riferisce ad una nave e la corteccia di albero pelle , per distinguere le omofoni .

Vedi anche Barque di Pietro (ship come immagine / simbolo della Chiesa cattolica ) per l’utilizzo religioso del termine.

Brigantino a tre alberi piano velico- Sail_plan_barque

Bark (nave)

Nel XVIII secolo, gli inglesi Royal Navy utilizzata la corteccia termine per una nave anonima che non si adattava a qualsiasi delle categorie abituali. Così, quando gli inglesi Admiralty acquistarono un collier per l’utilizzo da James Cook nel suo viaggio di esplorazione, è stata registrata come HM Bark Endeavour, per distinguerla da un’altra Endeavour, uno sloop già in servizio al momento.

Il dizionario William Falconer della Marina ha definito “corteccia”, come “un nome generico dato alle navi di piccole dimensioni: è comunque particolarmente usato dai marinai del nord, per i tre alberi senza una vela di mezzana.

Brigantino a quattro alberi Nippon Maru II

La sorella della nave Nippon Maru II (foto sopra) è la Kaiwo Maru (1989) [ la foto sottostante] e’ sempre un 4 alberi: 110.09 metri (361 ft 2 in) di lunghezza complessiva, con un raggio di 13,80 metri (45 ft 3 in) e una profondità di 10,70 metri (35 ft 1 in). Si è valutata come 2.556 tonnellate di stazza lorda . Propulsione è da due diesel a 4 cilindri ed un totale di 2.760 metri quadrati (29.700 m²) di vele. I motori hanno una potenza totale di 3.000 hp (2.200 kW) e può spingere la nave a un massimo di 14,1 nodi (26,1 km / h), con un servizio normale massima di 13 nodi (24 km / h). Kaiwo Maru II ha una gamma di 9.800 miglia nautiche (18100 km). I quattro alberi sono di trinchetto, maestra, albero di mezzana e albero jigger. L’albero principale è 43,50 metri (142 ft 9 in) di altezza. Il suo complemento è 199.

Kaiwo_Maru_II_in_yokohama_japan

Barque rig (Impianto corteccia)

Entro la fine del XVIII secolo, tuttavia, il termine barca (a volte, soprattutto negli Stati Uniti, veniva scritto corteccia) è venuto a riferirsi a qualsiasi nave con un particolare tipo di vela-plan . Composta da tre (o più) alberi , le vele prua-poppa sulla estremo posteriore albero e vele quadre su tutti gli altri alberi. Barques erano il cavallo di battaglia della Golden Age of Sail nella metà del 19esimo secolo.

Il vantaggio di questi impianti è che avevano bisogno di piccoli (e quindi meno costosi) equipaggi rispetto a una nave full-rigged o di un brigantino -attrezzato, c’erano meno delle vele ad alta intensità di lavoro con un’impianto più conveniente. Al contrario, i grandi impianti tendevano ad essere conservati per le navi in cui è maggiore l’equipaggio con marinai formati maggiormente.

Un altro vantaggio è che una barca possa possa superare una goletta o barkentine , è più facile da gestire e meglio per poter andare al vento di una nave completamente attrezzata. Mentre una nave, completamente attrezzata è il migliore corridore disponibile, e mentre  le barche modificate avanti ed indietro sono le migliori ad andare di bolina; la barca è spesso il miglior compromesso, e combina i migliori elementi di questi due.

La maggior parte dei velieri oceanici erano quattro alberi, dato che il brigantino a quattro alberi è considerato l’impianto più efficiente disponibile per la sua facilità di manipolazione, il bisogno di manodopera piccola, buone capacità di gestione, e una buona capacità di crescita verso il vento. Di solito l’albero principale è stato il più alto: quello di Moshulu si estende a 58 m dal ponte. I brigantini a quattro alberi possono essere gestiti con un equipaggio sorprendentemente piccolo , dieci marinai, mentre l’equipaggio abituale era circa di 30, quasi la metà di loro potrebbero essere apprendisti.

Oggi molti vela navi scuola sono barques.

Un esempio ben conservato di una barca commerciale è il Pommern , l’unico veliero nello stato originale. La sua casa è in Mariehamn al di fuori del Åland Maritime Museum. La barca in legno Sigyn , costruito nel Göteborg 1887, è ora un museo navale in Turku . Il legno, la caccia alle balene barca Charles W. Morgan , ha lanciato 1841, messa fuori servizio 1921, [4] è oggi una nave museo a Mystic Seaport [5] in Connecticut . La United States Coast Guard ha ancora una barca operativa, costruita in Germania nel 1936 e catturato come una guerra premio , l’ aquila USCGC , che la United States Coast Guard Academy a New London, Connecticut utilizza come nave scuola. Il Sydney Heritage Fleet restaurato un ferro da stiro a scafo brigantino a tre alberi, il James Craig , originariamente costruito nel 1874. La più antica nave a vela attivo nel mondo, la Star of India , è stato costruito nel 1863 come una nave, completamente attrezzata, poi trasformato in una barca nel 1901. (alcune di queste navi trattate in altri articolo di *Filmati Di Mare*)

Museo sull'acqua: Barca CHARLES W . MORGAN Nostro articolo vedere: http://filmatidimare.altervista.org/charles-w-morgan/

Barques e santuari Barque nell’antico Egitto

Le barques dell’antico Egitto, così denominate utilizzando la parola francese con la quale sono stati tradotti per primo i geroglifici egiziani dall’archeologo Jean-François Champollion, erano un tipo di imbarcazione utilizzata nell’Egitto nei primi periodi in cui la cultura era documentata e sono raffigurati in molti disegni, dipinti e rilievi. Il trasporto per l’aldilà era la credenza che potesse essere realizzato pure per mezzo di barques, e l’immagine viene utilizzata in molti dei dipinti murali e sculture religiose nei templi e tombe.

Barque utilizzato da Hatshepsut durante la spedizione a Punt durante il suo regno come faraone nella diciottesima dinastia dell'antico Egitto

La barca più importante egizia portava il faraone morto a diventare una divinità. Grande cura per fornire una bella barca al faraone per questo viaggio, ed i modelli delle imbarcazioni erano collocati nelle loro tombe. Molti modelli di queste imbarcazioni, che vanno dalla piccola dimensione alla grande, sono stati trovati. Anche membri ricchi e regali della cultura erano forniti di barques per il loro ultimo viaggio. Il tipo di nave rappresentata nelle immagini egiziane rimane molto simili in migliaia di anni la cultura persistenti.

Barques erano importanti manufatti religiosi e dal momento che le divinità sono state pensate di viaggiare in questo modo nel cielo, la Via Lattea è stata vista come un grande canale navigabile che era importante quanto il Nilo sulla Terra.

La barca Alexander von Humboldt .


“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“


2 comments

  1. Lorene ha detto:

    I like reading through a post that can make people think.
    Also, thank you for allowing me to comment!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.