Get a site

Sylvia Earle: il medico degli oceani

Sylvia Earle Alice (nata il 30 agosto 1935 in Gibbstown, New Jersey ) è un americana oceanografoa . Fu scienziata capo per gli Stati Uniti National Oceanic and Atmospheric Administration 1.990-1.992. Lei è una National Geographic explorer-in-residence, a volte chiamata “La sua Profondità” o “The General Sturgeon”.
Earle ha ricevuto una laurea dalla Florida State University e dottorato di ricerca dalla Duke University . E ‘stata curatrice di Phycology alla California Academy of Sciences e ricercatrice associata presso la University of California, Berkeley studiosa dell’Istituto Radcliffe e Research Fellow o associato presso l’Università di Harvard Ha guidato la prima squadra di donne Aquanauts durante il progetto Tektite nel 1970. Nel 1979, ha fatto un open-oceano JIM tuta di immersione, impostando la profondità record di 1250 donne una piedi (381m), detiene anche il record femminile per un tuffo in un assolo profondamente sommerse (3280 piedi, 1000). Dal 1980 al 1984 ha servito su NACOA (il Comitato Nazionale sugli oceani e atmosfera). Nel 1985 ha fondato Deep Ocean Engineering insieme con il marito, ingegnere e progettista sommergibile Graham Hawkes , per progettare, gestire, sostenere e consultare su pilotati e sistemi robotizzati sottomarini. Nel 1987 la Deep Ocean Engineering team progettato e costruito il Deep Rover sottomarino di ricerca, che opera fino a 1000 metri. Lasciò l’azienda nel 1990, ad accettare una nomina a Chief Scientist per il NOAA (National Oceanic & Atmospheric Administration). Nel 1992 ha fondato la Deep Ocean esplorazione e la ricerca (DOER Marine) per avanzare ulteriormente ingegneria marina. L’azienda, ora gestita dalla figlia Elisabetta, continua a progettare, costruire e gestire impianti per gli ambienti di oceano profondo. Oggi, Earle serve come un esploratore in residenza presso la National Geographic Society
Earle ha portato più di 400 spedizioni in tutto il mondo che coinvolgono oltre 7.000 ore sott’acqua in connessione con le sue ricerche. Dal 1998 al 2002 ha guidato la Expeditions Seas sostenendo un programma quinquennale per studiare la United States National Marine Sanctuary sponsorizzato dal National Geographic Society e finanziato dalla Fondazione Goldman . Esperta sull’impatto delle fuoriuscite di petrolio, è stata chiamata a condurre diversi viaggi di ricerca durante la Guerra del Golfo e in seguito alla fuoriuscita delle navi, Exxon Valdez e Mega Borg .
Earle è stato nominato rivista Time ‘s primo “eroe per il pianeta” nel 1998. È un Cavaliere in Olanda Ordine dell’Arca d’Oro .
Nel 2009, Earle ha vinto il Premio TED . Questo onore concesso lei le risorse per avviare la Missione Blue .
Il progetto ha stabilito Speranza Spot-una rete di aree marine protette istituito per curare e salvaguardare aree specifiche del mare. Queste aree non solo fornirà una piattaforma per la ricerca e l’osservazione, ma anche una risorsa per educare il pubblico su temi marini e dei loro effetti sugli esseri umani.
Nel mese di aprile 2010, TED e Sylvia Earle celebrando insieme la missione di Blue Voyage su National Geographic Endeavor sulle isole Galapagos. Più di 100 relatori, ospiti e celebrità si sono riuniti per rivolgere l’attenzione pubblica alle esigenze dei nostri oceani e il lavoro di missione Blue sta facendo.

Nel 1959 l'oceanografa Sylvia Earle effettuò la prima immersione oceanica, stabilendo il record femminile a 381 metri.

Ha passato la maggior parte dei suoi 75 anni sott’acqua, la chiamano Her Deepness, Sua Profondità. Americana, oceanografa, esploratrice marina, nominata dalla rivista Time primo “eroe del Pianeta”, Sylvia Earle ha iniziato negli anni Cinquanta con pionieri della subacquea come Jacques Cousteau e non ha più smesso: da allora ha guidato sommergibili, è stata a capo di spedizioni sottomarine per conto della National Geographic Society, ha fondato Deep Search, un’organizzazione no profit per la protezione degli oceani.
Vincitrice del prestigioso Ted Prize 2009, ha appena presentato negli Usa il suo ultimo libro The World is blue: how our fate and the ocean’s are one(ed. National Geographic), una dichiarazione d’amore, ma soprattutto un grido di allarme per quello che lei definisce il “cuore blu del pianeta”.
“Indipendentemente da dove viviamo, ogni respiro che facciamo, ogni sorso d’acqua che beviamo sono interconnessi alla loro esistenza. Gli oceani determinano il clima, stabilizzano le temperature, producono ossigeno: più del 70% dell’ossigeno nell’atmosfera è il risultato dell’attività fotosintetica di alcuni micro organismi marini. Per questo la tutela dei mari deve essere al vertice delle emergenze ambientali. Se si elimina la vita dagli oceani, la si elimina anche dalla terra. E cosa succederà? Immaginate Marte”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.