Crea sito

Balene e Delfini e Sirio ,Dogon del Mali

Balene e Delfini e Sirio ,Dogon del Mali

Delfino - Sirio - Balena

Delfino – Sirio – Balena

Balene e Delfini e Sirio ,Dogon del Mali

Italiano / English

I Dogon sono una popolazione africana del Mali. Questa popolazione, di circa 240.000 individui, occupa la regione della falesia di Bandiagara a sud del fiume Niger, e alcuni gruppi sono stanziati nei territori attigui al Burkina Faso. Sono prevalentemente coltivatori di miglio, caffè e tabacco e hanno una particolare abilità come fabbri e scultori.

Dogon --Danza-delle-maschere

Dogon –Danza-delle-maschere

Una storia mitologica molto interessante su balene e delfini riguarda una tribù in Africa occidentale chiamata Dogon del Mali. I Dogon, la cui cultura è viva e vegeta, un tempo vivevano sulla costa meridionale del Mediterraneo. Hanno molte credenze religiose e di creazione che coinvolgono molto le balene e delfini. Hanno perpetuato queste credenze nelle loro cerimonie religiose e in forma di disegni di sabbia.

Nei loro tessiture di cestini avevano 50 divisioni, la ragione per la quale è che essi erano a conoscenza del tutto specifica del sistema stellare di Sirio, che è un sistema stellare binario. Hanno capito come Sirio B, la nana bianca, si è trasferita intorno alla principale stella luminosa Sirio A. Hanno usato disegni di sabbia per illustrare i percorsi orbitali delle stelle. La nana bianca Sirio B impiega 50 anni per completare un’orbita di Sirio A. I Dogon lo sapevano.

Nel 1950 un astronomo britannico di nome Robert Temple stava viaggiando su un aereo attraverso l’Atlantico. Seduto accanto a lui vi era Arthur C. Clark. Robert Temple cominciò a raccontare ad Arthur C. Clark la nuova conoscenza del sistema stellare di Sirio fornito dalla tecnologia avanza di radioastronomia.

Sirio B, la nana bianca, non è visibile usando un telescopio, anche se radioastronomia permette di sentire Sirius B. Arthur C. Clark ha detto semplicemente a Temple. “Si potrebbe interessarsi ai Dogon.” Robert Temple ha iniziato la ricerca sui Dogon ed ha scoperto quanta conoscenza i Dogon avevano del sistema stellare di Sirio. Ha poi continuato a trascorrere sette anni della sua vita con i Dogon e ha scritto un libro intitolato ‘The Sirius Mystery’.

Balene e Delfini e Sirio

Balene e Delfini e Sirio

Quando Temple andò ad incontrare i Dogon chiese: «Come avete questa conoscenza?” La risposta dei Dogon fu molto semplice. Hanno detto: “Queste creature sono venuti dalla stella Sirio, sbarcati in mare e sono stati in forma di anfibi, balene e delfini. Ci hanno dato la nostra conoscenza del sistema stellare di Sirio.”

Poi Temple chiese: “Che altro ti hanno detto?” I Dogon risposero: “Ci hanno detto la storia della vita sulla Terra.” E la loro storia della vita sulla Terra è stata la seguente: Ci sono tre energie sul pianeta Terra, Nomo, O Nomo e Ogo specie indefinite. Nomo le piccole balene o delfini sarebbero i messaggeri, inducendo un ricordo del sacrificio. O Nomo, le grandi balene, i padroni dell’acqua, permetterebbero il loro sacrificio per la purificazione e la riorganizzazione del pianeta permettendo così il completamento e la trasmutazione di Ogo. Quella era la loro storia.

In Cane Maggiore (Canis Major) solo Sirio A è visibile all’occhio umano. E ‘infatti la stella più luminosa del cielo. Sirius B è nota per astronomi moderni solo attraverso l’uso di un telescopio radio. I Dogon ha anche previsto la scoperta di Sirio C affermando che Sirius è in realtà un sistema stellare ternario. Questo è stato confermato attraverso radioastronomia.

dogon

dogon

I Dogon e l’astronomia

Griaule e Dieterlen, che per oltre un ventennio, tra il 1931 e il 1956, hanno vissuto tra i Dogon, hanno riferito che essi sembravano possedere conoscenze astronomiche molto avanzate, sull’origine delle quali si sono sviluppate numerose controversie. In particolare nel 1933 Griaule trascorse un lungo periodo in compagnia dello sciamano dogon Ogotemmêli, che si può considerare la fonte primaria delle notizie relative alla cosmogonia dei Dogon. Stando a quanto riportato da Griaule, da oltre 400 anni questo popolo sarebbe stato al corrente del fatto che la stella Sirio (sigi tolo o “stella del Sighi o Sigui“), ha una stella compagna (pō tolo o la “stella del fonio”), che orbita attorno ad essa, effettivamente scoperta nel 1844 e nota come Sirio B. I Dogon sosterrebbero, inoltre, l’esistenza di una terza stella compagna (ęmmę ya tolo o “stella del sorgo”). Sempre gli stessi autori riferirono di avere riscontrato conoscenze relative agli anelli di Saturno e alle lune di Giove.

mali-dogon

mali-dogon

Nel 1976 Temple, nel suo libro The Sirius Mystery, riprendendo le osservazioni di Griaule e Dieterlen, si spinse a sostenere che la cosmologia dogon fosse il frutto di un remoto contatto con una civiltà extraterrestre, i Nommo, esseri anfibi intelligenti provenienti da un pianeta di Sirio C.

Più recentemente, sono stati sollevati numerosi dubbi sulla validità dei lavori di Griaule e Dieterlein.

Nel 1991, l’antropologo olandese Walter van Beek, dopo un lungo periodo di ricerche tra i Dogon, concludeva che essi non sembravano possedere conoscenze astronomiche particolarmente approfondite né il sistema di Sirio assumeva per la popolazione una particolare importanza.

dogon-dancers

dogon-dancers

Tali verifiche hanno fatto sorgere dubbi sul valore dell’opera di Griaule, che da taluni viene oggi considerata una colossale mistificazione; altri, più benevolmente, ritengono che Griaule possa avere inconsapevolmente influenzato i suoi interlocutori o che, più semplicemente, possa avere avuto accesso a conoscenze che nel frattempo siano andate perdute.

Al di là delle controversie sulla buonafede di Griaule, resta il dato che la fonte delle eventuali conoscenze dei Dogon su Sirio, piuttosto che in una misteriosa entità extraterrestre possa essere ricercata nei frequenti contatti avuti dalla popolazione con esploratori, viaggiatori, missionari e soldati occidentali. In particolare la spiegazione “più probabile è che i Dogon avessero attinto le informazioni da un gruppo di astronomi che nel 1893 si era recato in Mali per assistere ad un’eclissi di sole”

Dogon mascherati

Dogon mascherati

 

 English

A very interesting mythological story about whales and dolphins concerns a tribe in west Africa called the Dogon of Mali. The Dogon, whose culture is alive and well today, at one time lived on the southern coast of the Mediterranean. They have many religious and creation beliefs which very much involve the whales and dolphins. They have perpetuated these beliefs in their religious ceremonies and in the form of sand drawings.

In their basket weavings they had 50 divisions, the reason for which is that they had quite specific knowledge of the Sirius star system which is a binary star system. They understood how Sirius B, the white dwarf, moved around the main bright star Sirius A. They used sand drawings to illustrate the orbital paths of the stars. The white dwarf Sirius B takes 50 years to complete an orbit of Sirius A. The Dogon knew this.

In the 1950s a British astronomer named Robert Temple was traveling on a plane across the Atlantic. Sitting beside him was Arthur C. Clark. Robert Temple began to tell Arthur C. Clark about the new knowledge of the Sirius star system provided by the advancing technology of radio astronomy.

Sirius B, the white dwarf, is not visible using a telescope although radio astronomy allows one to hear Sirius B. Arthur C. Clark simply said to Temple, “You would be interested in the Dogon.” Robert Temple began research on the Dogon and discovered how much knowledge the Dogon had of the Sirius star system. He then went on to spend seven years of his life with the Dogon and wrote a book called ‘The Sirius Mystery’.

When Temple went to meet the Dogon he asked, “How did you get this knowledge?” The Dogon’s answer was very simple. They said, “These creatures came from the star Sirius, landed in the ocean and were in the form of amphibians, whales and dolphins. They gave us our knowledge of the Sirius star system.”

Then Temple asked, “What else did they tell you?” The Dogon replied, “They told us the story of life on Earth.” And their story of life on Earth was as follows: There are three energies on the Planet Earth, Nomo, O Nomo and Ogo the unfinished species. Nomo the small whales or dolphins would be the messengers, inducing a remembrance of the sacrifice. O Nomo, the great whales, the masters of the water, would allow their self sacrifice for the purification and the re-organisation of the planet thus allowing completion and transmutation of Ogo. That was their story.

In Canis Major only Sirius A is visible to the human eye. It is in fact the brightest star in the sky. Sirius B is known to modern astronomers only through the use of a radio telescope. The Dogon also predicted the discovery of Sirius C stating that Sirius is in fact a trinary star system. This has now been confirmed through radio astronomy.

Video

“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.