Crea sito

Archive for I siluri umani

Uomo siluro part.III

Ai primi di agosto Len Berey è stato invitato per conto di The Heritage Trust Underwater a tenere una conferenza pranzo ad un pubblico di invitati presso i laboratori di Scienza, Tecnologia per la Difesa qui nel Regno Unito Il Trust possiede un certo numero di esempi, italiani e inglesi, tra cui un Mk. 1 replica e la Mk.2 noto solo in esistenza. Questi esempi sono tutti alloggiati in Eden Camp museo militare, York. L’aggiunta di un’altra macchina italiana, un Maiale Mk.1, ci si aspetta qualche tempo dopo la fine dell’anno. Come risultato di questa conferenza e come un segno di apprezzamento per il lavoro svolto commemorativa da parte dei membri Subacquee Heritage Trust di DSTL volontariamente i loro servizi al fine di condurre prove di Trust Mk.1 replica. Questa macchina è stata commissionata per essere costruita da ingegneri giovani apprendisti coinvolti con The Special Interest Group al Workshop di formazione Milton Keynes. Un centro di formazione sostenuto da un certo numero di società di ingegneria per favorire il futuro di ingegneria all’interno della comunità.

La replica è stata costruita ex novo da disegni originali forniti dal Trust e ben presto divenne evidente durante la revisione iniziale da volontari DSTL, prima del processo, che l’elevato standard di lavorazione e attenzione al dettaglio era un credito a tutti coloro che sono coinvolti nella sua produzione. Signori Stothert & Pitt, i produttori di pompe, di Bath, che ha costruito tutte le versioni originali inglesi dell’ultima guerra sarebbe stato molto orgoglioso di loro.

Con il carro ora, in modo utile, e guardando come se fosse stato scalfito dalla linea di » Read more..

Uomo siluro part.II

Inizialmente nessuna struttura salvataggio di emergenza è disponibile, ma in una fase successiva nello sviluppo di questo gruppo autonomo un cilindro salvataggio è stato aggiunto sotto il polmone contatore. Durata di una alimentazione di gas respirabile come risultato di queste modifiche all’interno della nuova unità è stata quindi aumentata a 6 ore. Sebbene una comprensione dei rischi di respirazione di ossigeno puro in profondità sono stati diventando evidenti, al momento dell’uso del gas misto è in fase sperimentale.

Ormai con il metodo di fornire una testata sostanziale nella pipeline e un metodo praticabile di respirazione, è rimasto per un abito adatto ad essere scoperto che era sia durevole per il compito in mano, che ha completamente isolato l’operatore dagli elementi, ma sarebbe essere abbastanza flessibile da non ostacolare i suoi movimenti. Siebe Gorman al momento non producevano abbigliamento leggero diving appositamente per la guerra e il vestito standard Diving utilizzata con un dispositivo casco, così com’era, era del tutto impraticabile. E ‘stato il frutto del comandante Geoffrey Sladen di trovare una soluzione. Lavorare con Siebes presso lo stabilimento Tolworth in collaborazione con l’Ammiragliato unità sperimentale Diving ha disegnato quello che sarebbe diventato noto come il vestito Sladen.

Il Sladen Suit

Mostrando la gonna di entrata ripiegato appena sotto il diaframma subacquei.

In un laminato leggero twill gommato simile a quello utilizzato per l’abito standard immersione (prodotto da Macintosh & Son,) era inflessibile per allungare in modo che il disegno incorporato una modificato diaframma costituito da un mantello tubolare sul davanti per dare ingresso e di uscita. La gonna è stata fatta a tenuta stagna piegandolo moda concertina e poi le » Read more..

Uomo siluro part.I

La nascita di un’idea

In inventiva l’ultima guerra della Gran Bretagna sia attraverso necessità e disperazione era spesso molto brillante anche se spesso ostacolati dalla burocrazia meschina e l’ignoranza in alto ufficio insieme ad una mancanza di fondi. Questa situazione ha aperto la strada per i pensatori laterali con un’abbondanza di determinazione a improvvisare con tutti i mezzi che avevano a loro disposizione. Eventi significava anche utilizzando l’ingegno e le attrezzature catturato da parte dell’opposizione. La notte del 18 dicembre 1941, tre equipaggi di sommozzatori italiani seduti a cavalcioni bassa velocità alimentata elettricamente “siluri” è entrato nel porto di Alessandria d’Egitto, a consegnare i loro testate esplosive per la flotta inglese ancorata dentro. Il successo di un tale esercizio di audace e ingegnoso è stato ricompensato con l’affondamento della Regina Elisabetta e Battleships Vaillant pari a una perdita totale di 64.000 tonnellate. Questa perdita impressionato né Churchill o l’ » Read more..