Crea sito

Belem , Fantôme II, Giorgio Cini : Velieri Scuola-nel Mondo

Share:
Condividi

Belém

Belem: Veliero Scuola

*SOLO VELA:Velieri Scuola -nel Mondo-i più belli oggi sui Mari*  

(articolo N. 8 della categoria Navi Scuola: per cercare altri articoli potete utilizzare “Cerca nel Blog” )

Info:  Oggi la Belem è una nave scuola aperta a tutti, basta aver compiuto 14 anni per poter vivere un’avventura di qualche giorno a bordo di un veliero del XIX secolo e per partecipare attivamente  alla navigazione.
Qualche riferimento : pour tout complément d’information, contactez la Fondation Belem
Par e-mail : contact@fondationbelem.fr
Par téléphone au : 01.58.40.46.46
Par fax au : 01.58.40.48.47
(du lundi au vendredi, 9h-12h – 14h-17h)
Par courrier : 5 rue Masseran – 75007 Paris

La Belem è stata ribattezzata 4 volte: da Belem a Fantôme II, poi a Giorgio Cini ed infine ritornò il nome originario

Belem: con 58 m. di lunghezza e circa 60 persone di equipaggio, svolge in Francia attività di nave scuola civile effettuando da aprile a novembre brevi crociere.

Belem è una barca francese, costruita e varata nel 1896 dai cantieri per Dubigeon Chantenay sulla Loire, e per una carriera commerciale. Fino al 1913, Belem fece numerosi viaggi. Un totale di 32 campagne sono al suo attivo tra il suo varo e l’anno di pensionamento.
Nel 1914, la barca fu acquistata dal Duca di Westminster, che decide di trasformarlo in uno yacht da diporto ed fu equipaggiato con i motori. Successivamente all’acquisizione, Belem fu cambiato molto poco. L’interno è stato riprogettato per soddisfare il comfort di yachting. La stiva è quindi stata convertita in cabine, mentre il ponte trasformato in una stanza di vetro, decorata in mogano cubano. Per il Belem inizia una nuova vita, quella di una nave da crociera di lusso.

Belém a Bordeux

Queste sono le premesse della sua storia, ma ora vediamo i dettagli:

La storia della sua vita

Fernand Crouan, un armatore da Nantes, trasportava cacao dal Brasile e zucchero dalle Indie occidentali per la Menier cioccolatiere. Se non avete mai assaggiato la cioccolata Menier Patissier, si dovrebbe. Davvero intenso per la cottura, è il cioccolato fondente da preferire.

Fernand Crouan nel 1896, ordinò al cantiere Dubigeon a Nantes di costruire per lui il veliero a tre alberi  che ha battezzò Belém. Per la costruzione ci sono voluti sette mesi, e fu consegnata al suo proprietario il 30 luglio 1896.

Crouan ha utilizzato la Belém per il trasporto del cacao brasiliano e quello dello zucchero fino al 1914, in quanto i piroscafi stavano sostituendo le navi a vela che dovevano cessare l’attività. Durante la sua proprietà, il veliero ed il suo equipaggio hanno vissuto un periodo molto fortunato.

Nel maggio del 1902, il veliero arrivò a Saint-Pierre-de-la-Martinique per trovare il suo attracco occupato da un’altra nave. Il capitano Chauvelon  ancorarò in Robert, dall’altra parte dell’isola.

Fantôme II

Nel 1914, il Duca di Westminster, impressionato dalle sue belle linee, acquistò il Belém e lo allestì come uno yacht di lusso. Nel 1921, Il Belem fu venduto ad Ernest Guinness, proprietario del famoso irlandese brewerey, che la ribattezzò il suo nome Fantôme II. Guinness navigò tutto l’anno, in giro del mondo, e la portò a Montreal nel 1937 per la celebrazione dell’incoronazione di Giorgio VI.

Nel 1939, Ernest Guinness Fantôme II morì e fu posta in secco nell’Isola di Wight fino al 1952, quando una fondazione istituita dal senatore veneziano, il conte Vittorio Cini, la comprò come nave scuola a vela destinata per gli orfani dei marinai italiani. Sotto il nuovo nome Giorgio Cini ha servito fino al 1965, quando fu considerata insicura, ma la fondazione teneva ormeggiata ad una banchina, e servì per alcuni anni come un collegio.

le belem

Nel 1972, fu ceduta ai carabinieri, che credevano di avere i fondi necessari per trasformarla in una nave scuola degna del mare. Nel 1976, finiti i soldi e il cantiere la prese in pagamento.

Belem peint par Corinne O’Mary

Nel 1977, il medico francese Luc-Olivier Gosse sentì parlare da un amico italiano del veliero ed andò a vederlo. Così scoprì che era una delle ultime navi oceaniche a vela della Marina francese Merchnat, ed avvisò l’Association pour la Sauvegarde et la Conservation des Anciens Navires Français che inviò una delegazione al cantiere per discutere la possibilità di acquistare il Cini Giorgio, ma furono scoraggiati dal prezzo richiesto di 5 milioni di franchi. Anche con l’aiuto del Ministero dei Trasporti, il Ministero della Difesa e della Marina Mercantile erano ben al di sotto del prezzo richiesto. Nel frattempo, un consorzio italiano sostenuto da una banca dichiarò un interesse ad acquistare Giorgio Cini.

Le Belem dans la tempête- auteur inconnu

Nel 1979, l’Union Nationale des Caisses d’Epargne si offrì di contribuire. Dopo nuovi negoziati con il cantiere comprarono il Giorgio Cini per 4,5 milioni di franchi. I Periti della Marina francese e la Direction des Constructions et Armes navales (DCAN) chiesero al cantiere di fare qualche lavoro aggiuntivo sullo scafo, il suo nome fu cambiato di nuovo in Belém di Nantes, e il 5 agosto 1979 è stato varato e la Marina francese Actif lo trainò e lo scortò a casa. Dieci giorni dopo, entrò nel porto di Tolone.

A bord du Belem Auteur Mikel CHAUSSEPIED

 

L’Armada le Belem peint par M. Girard

“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“

6 comments

  1. Ugo Starri scrive:

    Sono stato fortunato di aver passato 3 anni 55-58 vicino a la Giorgio Cini, il Capiatno e padre di tutti i marineretti era Barbini, medaglia d’ oro. La cini era un vero tesoro, perso per sempre dal’ Italia.

    • Ser scrive:

      Grazie Ugo per il tuo contributo *Ser*

    • Roberto scrive:

      Caro Ugo, mio nonno Edoardo Seberini(sala macchine) ha navigato sulla Cini ed era andato a prenderla in Ingilterra appena comprata.Me ne parlava con lo stesso entusiasmo e passione che mi sembra di cogliere nelle sue parole.

      • Filmati di Mare scrive:

        Ciao Roberto, noi abbiamo fatto solo l’articolo. Il tuo messaggio sarà difficile che arrivi a destinazione. Il sig. Ugo dovrebbe leggere l’articolo e visionare i commenti per poter vedere il tuo. Mi sembra improbabile, ma non si sa mai. Ciao *Seer*

  2. roberto scrive:

    come posso salire come passeggero sulla Belem?

    • Ser scrive:

      Ciao Roberto per una esperienza sul Belen: Oggi la Belem è una nave scuola aperta a tutti, basta aver compiuto 14 anni per poter vivere un’avventura di qualche giorno a bordo di un veliero del XIX secolo e per partecipare attivamente alla navigazione.
      Qualche riferimento : pour tout complément d’information, contactez la Fondation Belem
      Par e-mail : contact@fondationbelem.fr
      Par téléphone au : 01.58.40.46.46
      Par fax au : 01.58.40.48.47
      (du lundi au vendredi, 9h-12h – 14h-17h)
      Par courrier : 5 rue Masseran – 75007 Paris

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *