Get a site

Cenni storici

Giovanni Alfonso Borelli

Era un matematico ben noto e fisico italiano. Dopo la sua morte nel 1680 il suo lavoro è stato pubblicato. Conteneva ogni progetto dal suo tempo, campana subacquea, tubo di respirazione, sottomarino con airbag, ma soprattutto l’apparato immersioni con un tubo d’aria con volume regolabile (ispirato al pesce) avrebbe influenzato tutti i disegni successivi. Il subacqueo indossa un casco di cuoio cotto. Egli respiri in una borsa di pelle che porta con lui sotto l’acqua come un polmone artificiale. Il sacchetto contiene aria sotto pressione normale. Per compensare assetto positivo il subacqueo effettuato un cilindro 1 metro con un dispositivo per cambiare il suo volume. La pressione non è stata ancora inventata. Questo progetto non avrebbe mai funzionato. Dopo aver percorso pochi centimetri verso il basso il casco si sarebbe succhiare a vuoto sulla testa subacquei e causare la sua morte.

 

 

 

 

Chevalier de Beauve

C’è un documento con il nome “le plongeur du Chevalier de Beauve” datato 1715. Il documento fornisce una descrizione e un disegno dettagliato di un sistema chiuso diving dove è attaccato il casco al scafandro. Aria espirata scappati attraverso un secondo tubo. L’elmo caratterizzato da una piastra di petto e di nuovo a prevenire gli effetti di compressione. L’abito è stato “aperto” al centro. Parte inferiore del corpo, le braccia e le gambe, dove non protette dalla pressione dell’acqua.

Freminet

Nell’anno 1772 nella città francese di Le Havre, il medico Freminet scese a una profondità di 15 metri in una tuta in pelle e casco di rame. Sulla schiena portava un contenitore con aria compressa. Air entrato nel casco mediante due tubi. Freminet Hydrostatergatique chiamato la sua invenzione della macchina. Un certo numero di immersioni sono state fatte e per quanto ne so non incidenti mortali si è verificato. Freminet ha dichiarato che l’aria espirata è stato “rigenerato”, perché l’aria correva thru raffreddati ad acqua, tubi da e per il casco. Il contenitore caratterizzato da una ventilazione che ha lavorato su una molla. Freminet detto questo ha influenzato il processo di rigenerazione in pochi positivo. In ogni immersione che poteva rimanere al di sotto per alcuni minuti.

In un disegno successivo Freminet il serbatoio appeso dietro il subacqueo. La circolazione dell’aria è stato organizzato da un soffietto che è stato azionato da una molla.

Forfait

Nel 1783 il Frenchman mani Forfait in una proposta per un vestito nuovo diving presso l’accademia francese per la Scienza in Rouen. Il suo abito è dotato di un ritorno duro e frontale. Anche il casco viene fornito con una candela. Suit e la candela non sono mai stati fatti.

Karl Heinrich Klingert

Conosciuto per essere l’inventore del “free flow” sistema aperto diving. Nel 1797 ha sviluppato un casco aperto le immersioni con due giunti di inspirare ed espirare aria compressa. Il suo abito era collegato ad un serbatoio d’aria, che ha caratterizzato un pistone regolabile in modo che la galleggiabilità può essere controllato. Questo ingranaggio sembra essere così difficile da gestire che ha poi sviluppato una versione con un serbatoio d’aria inferiore. Nel 1797 un certo numero di immersioni di prova sono state fatte.

Kreeft

I n 1805 a Lipsia un libro è pubblicato con il titolo “Die Herren Taucher Macchina von P. Kreeft”. Si tratta di un rapporto di testimone oculare dell’impiego di attrezzature subacquee. Il disegno mostra una tuta e casco. Attraverso un tubo flessibile dell’aria è fornita dalla superficie. Vi è un secondo tubo che serve come un tubo di parola tra subacqueo e superficie.

John en Charles Deane

Nell’anno 1824 l’inglese inventore Charles Anthony Deane ottiene un brevetto su un “casco fumo” per la lotta contro gli incendi. A partire da tale momento, negli anni che seguono questo cappello è anche utilizzato per immergersi. Il casco si inserisce sulla testa del subacqueo ed è mantenuto in posizione da pesi. L’aria viene alimentata dalla superficie attraverso un tubo. Nel 1828 Charles e suo fratello John ha colpito il mercato con questo casco e tuta.

Il casco non è collegato alla muta, ma è trattenuto da cinghie. Il casco è sopra la testa come una campana subacquea. Questa situazione non è ideale: non appena le curve subacqueo oltre corre il rischio di casco e tuta riempiendo d’acqua con la conseguenza di annegamento. Questo attrezzo è stato utilizzato più volte con successo in operazioni di salvataggio.

William James

Nel 1825 William James entra nella prima proposta pratica di una “self vestito contenuto diving”. Si trattava di un elmo di rame che è stato collegato a una muta stagna che è stata sigillata della in vita e ai polsi con le manette elastical. Air è stato trasportato da un contenitore di metallo intorno alla vita al casco tramite una valvola che è stata azionata a mano. Sul fondo del contenitore in cui i pesi per mantenere basso il subacqueo. Il subacqueo inalato attraverso il naso ed espirato attraverso la bocca. Dal boccaglio un tubo corto è andato fino alla parte superiore del casco. L’idea era OK ma il tempo da trascorrere sotto l’acqua molto limitata.

Charles Condert

Povero Charles Condert! E ‘stato, molto probabilmente, primo sub del mondo SCUBA successo, ma è completamente ignorata dalla storia.

Alcuni Klingert affermazione è stato il primo, ma mentre Klingert (in realtà, la sua sub a noleggio, FW Joachim) ha fatto un tuffo successo superficie di appoggio, nel giugno del 1798, il suo progetto per marcia autonoma subacquea quasi certamente mai bagnato.

Altri sostengono James è stato il primo, basato unicamente sul suo brevetto per il 1825 due versioni di marcia autonoma subacquea. Ma, ancora, non vi è alcuna prova che rig James ‘è stato effettivamente costruito e testato.

Nei primi anni del 1800 molti brevetti, soprattutto da Inghilterra e Stati Uniti, sono stati segnalati e recensione in riviste di ingegneria popolari che circolano su entrambi i lati dello stagno. Queste riviste sono stati i Mechanix Popular Science e Popular del loro tempo, riportando sul fantastica nuova tecnologia con lo stesso “gee mago” piegata, e spesso la pubblicazione di incisioni che erano la fantasia illustratore non, di testimoni oculari rendering. Ma questi giornali sono stati senza dubbio la fonte di ispirazione di molti inventori e ha contribuito alla somiglianza di idee e metodi che spuntano quasi contemporaneamente in America e in Europa.

Il brevetto James è stato rivisto in uno di questi, il Journal of the Franklin Institute, nel 1828. Poco dopo, Brooklyn macchinista Charles Condert fabbricato una bombola da quattro metri di tubo di rame sei pollici. Il serbatoio è stato piegato a semicerchio e indossato attorno al fondo della schiena, sporgenti ai lati, sospesa da una cintura sulle spalle. Condert fece compressore da una canna di fucile e pompata nel serbatoio, “aria quanto supponeva sarebbe richiesto per il tempo che destinate a rimanere in acqua”. Quindici metri cubi sarebbe una ipotesi ragionevole. Da un piccolo azionamento manuale valvola del serbatoio, un tubo corse sotto l’anca lunghezza tunica tessuto gommato e fino al cappuccio allegata, realizzato dello stesso materiale. Condert è segnalato per aver considerato una valvola di scarico, ma ha scoperto che un piccolo foro nella corona della cappa servito abbastanza bene.

Lo spostamento del suo carro armato è stata di circa 50 libbre di acqua, e lo spostamento del suo vestito deve essere stato molto più mentre trasportava 200 chili di peso collegate al serbatoio. Il disegno qui riprodotto è dal 1835 una lettera da “TE” alla commissione per le pubblicazioni del Journal of the Franklin Institute, e probabilmente non è precisa. Per lo meno, omette i 200 chili di peso che Condert trasportate.

Condert fatto diverse immersioni con questo attrezzo nell’East River, scendendo su una linea di tiro di circa 20 metri. Sulla sua ultima immersione, nel mese di agosto del 1832, Charles Condert morì, diventando la prima vittima SCUBA documentata. Condert quando il corpo è stato tirato in superficie, è stato osservato che il tubo di respirazione era rotto, e questa è la causa usuale dato per la sua scomparsa. Ma da 20 piedi, avrebbe potuto facilmente salito la linea di tiro con l’aria rimane nel suo abito voluminoso, quindi la spiegazione rotto tubo di respirazione ha poco senso. Dato il peso portato all’estremo, si è concentrata intorno ai fianchi, e la vita aperta del suo vestito, è molto più probabile che una caduta allagato l’abito e la camera d’aria era rotto nella caduta o la successiva lotta fatale.

Condert resta poco più che una nota nella storia della subacquea. Il suo impianto non è mai stato brevettato, anche se è stato utilizzato in molte occasioni. Egli è il più antico documentato (finora) di successo, pratica, subacqueo SCUBA in America e, mi sostengono, in tutto il mondo.


Leonard Norcross

Inventa il primo casco chiuso per uso subacqueo nel 1834. Il casco è stato fatto di piombo e il tubo di aria dalla superficie inserito il casco sopra. Ha inoltre caratterizzato da una valvola di pressione. In questo momento questo apparecchio è ancora in fase di studio. Non è sicuro se qualcuno del suo apparato esiste ancora oggi. Casco e tuta sono stati attaccati da un giunto a tenuta stagna e non appena il subacqueo chiusa la valvola, la tuta intera è stata riempita d’aria. Questo sottolinea che Norcross avrebbe potuto essere l’inventore del primo vestito chiuso immersioni.

Augustus Siebe

Siebe è nato a Pruisen nel 1788. Era un ingegnere e ha lavorato come ufficiale di artiglieria dell’esercito. Dopo la battaglia di Waterloo emigrò in Inghilterra per stabilirsi a Londra come meccanico di precisione. Egli si è rivelato essere al posto giusto al momento giusto. L’economia era al suo alto al centro del 19 ° secolo.

Nel 1828 Siebe ottenuto un brevetto su una pompa ad acqua rotante. I numeri delle vendite sono stati formidabili e Siebe avuto il suo primo successo finanziario. Si trasferisce a 5 Danimarca street a Soho a Londra. L’edificio è ancora lì. Siebe sposato, ha avuto 9 figli e la sua compagnia è andato molto bene.

George Edwards

Nel 1837 George Edwards, un ingegnere di Lowestoft Harbour, ha suggerito miglioramento della sicurezza al casco Deane. Ha suggerito di vestire il subacqueo in un abito pieno (invece della giacca corta) e collegare il vestito con la corazza di 20 bulloni. Siebe ha assunto questa idea, ma usato solo 12 viti.

Charles Pasley

Era colonnello della Marina britannica. Nel 1840 Siebe attrezzo è stato usato da lui e dai suoi sub in un’operazione di salvataggio del Royal George a Spithead in Inghilterra. L’ingranaggio è stato subito accettato. Fino ad allora i subacquei avuto solo esperienza con “caschi aperti” in base alle idee deli fratelli Deane. Nel dicembre 1840 Pasley ha scritto una lettera al ammiraglio della Marina britannica. Egli ha dichiarato che l’apparato Siebe era il migliore che conosceva. Con questa dichiarazione di una persona ad elevato Siebe divenne noto come Il produttore di apparecchi immersione. Pasley anche suggerito miglioramenti. Ha avuto l’idea di dividere il casco in due pezzi. La parte inferiore (corsaletto) è attaccata al seme e la parte superiore (cofano) è attaccato alla corsaletto, per mezzo di una struttura filo interrotto. Siebe ha assunto questa idea pure.

 

Il “vestito standard” è nato e ha provocato una rivoluzione in immersione. In questi giorni la gente dubita gli sforzi che Siebe personalmente. La tuta standard era almeno la quinta versione di una tuta subacquei. Molte persone ritengono che l’invenzione reale proveniva da Charles e John Deane, Edwards e Pasley e che tutto l’onore dovrebbe andare a loro.La combinazione di tutte le idee è stato un grande successo:

  • Il primo abito aperto è nato. Air potrebbe circolare gratuitamente attraverso il casco e vestito.
  • Il primo abito chiuso è nato. Tutto è stato sigillato su. Non c’era alcun rischio di riempiendo d’acqua.

Questo vestito standard era il modello per tutti gli attrezzi casco di immersione come viene ancora oggi usato. No Siebe meraviglia ottenuto il soprannome di “Padrino del diving”. 

Siebe gestito la sua attività insieme al figlio in legge, Gorman. Per questo motivo più tardi targhette portano il nome Siebe, Gorman and Company.

Con l’uso di apparecchi Siebe l’industria subacquea ha iniziato “coming up” in tutto il mondo. Il 15 aprile 1872, Augusto Siebe morto nel all’età di 84 anni nella sua casa di Soho, Londra. L’azienda: Siebe, Gorman & company alla fine ha cessato l’attività nel 1999.

John Bethel John Fraser William Bush

Brevetto britannico per apparecchi scafandro chiuso nel 1835.
Bethel era un concorrente dei fratelli Deane.

Brevetto inglese per apparecchi chiuso diving vestito nel 1835

Brevetto inglese per apparecchi chiuso diving vestito nel 1836

Joseph Cabirol

Al “Exposition Universelle” nel 1855 ha mostrato marcia che assomigliava molto di Siebe. Il casco è stato assegnato alla muta da 4 viti. La tuta aveva un doppio sistema di sicurezza: l’aria è venuto via in un tubo che era vicino l’orecchio destro. E ‘caratterizzato da una valvola regolabile manualmente. Un secondo tubo è andato dritto alla bocca, per la sicurezza. Questo tubo è stato chiamato “il fischio”. A causa di esperimenti pubblici Cabirols ‘questo attrezzo era molto popolare. Egli quelli inviato un condannato fino a 40 metri.

Rouquayrol en Denayrouze

Per anni si è supposto che vestito standard di Siebe rappresentava il massimo delle possibilità di attrezzatura per l’immersione. Tuttavia, nel 1865, due ragazzi francesi, Benoit Rouquayrol, un ingegnere di miniera e Auguste Denayrouze e tenente nella marina francese ha sviluppato il Aerophore. Il subacqueo portato una bombola con aria compressa sulla parte posteriore. Un regolatore della domanda di lavoro con una membrana è stato collegato ad esso. Il design caratterizzato alcune cose sviluppate da Siebe. Con un compressore d’aria è stato portato al contenitore (e non al casco). L’aria andarono attraverso un tubo al casco. Il regolatore è in grado di livellare la pressione dell’aria nei polmoni alla pressione dell’acqua circostante.

Il subacqueo può scollegare il tubo dell’aria e camminare per alcuni minuti. Il sistema non è mai stato popolare. Forse a causa dei pesi ai piedi di grandi dimensioni che dovevano essere effettuate.

Neufeldt-Kuhnke

Ho dovuto mostrare questo. Questa tuta, noto come Neufeldt-Kuhnke vestito è stato costruito nel 1923 e utilizzato agli inizi del 20 ° secolo per funzionare in acque profonde. All’interno del vestito era la pressione normale alla superficie. Potrebbe resistere alla pressione dell’acqua fino ad una profondità di 160 metri. Aria è stato fornito attraverso un sistema chiuso e un collegamento telefonico con la superficie era disponibile. galleggiamento è stato ottenuto ammettendo acqua ad un serbatoio reattore che circonda il corpo. Il subacqueo può tenere in in aria per un assetto positivo. La tuta non ha mai avuto molto popolare. La pressione dell’acqua ha avuto un impatto enorme sui giunti di accoppiamento, rendendo impossibile qualsiasi movimento. Altri pionieri in questo settore sono Peress e Galeazzi.

Da quel momento centinaia di società hanno prodotto (e continuano a produrre), centinaia di tipi di caschi. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.