Get a site

MARE: Propulsione ibrida ed alternativa – Solar Sailor

Nave “Aquatanker” costruita dalla Solar Sailor in servizio nel porto di Sydney

*MARE: Propulsione ibrida ed alternativa*

Solar Sailor pensa alle navi ecologiche

Le navi inquinano, costano e sono spesso più lente degli altri mezzi di trasporto, molte sono le soluzioni per rendere più competitivo il settore a fronte dell’aumento del prezzo del petrolio, abbiamo visto ad esempio i grossi Kite da attaccare alla navi.

Solar Sailor è un’azienda australiana che integra la tecnologia dell’energia solare alla nautica con una visione allargata del problema, un esempio è il battello in servizio nel porto di Sydney completamente autosufficiente dal punto di vista energetico.

La sfida che ha lanciato di recente l’azienda riguarda la possibilità di costruire delle navi cisterna per rifornire di acqua potabile la città di Perth nell’Ovest del continente australiano. La nave proposta dalla Solar Sailor integra ad una propulsione tradizionale, l’uso di vere e proprie vele alari ricoperte di pannelli solari in modo da poter sfruttare sia l’energia del vento, sia l’energia del sole.

L’ex primo ministro Bob Hawke, Presidente di Super Sailor ha proposto al governo West Australian di utilizzare una flotta di tre navi “aquatanker”  per trasportare 50 gigalitres (50 milioni di tonnellate) di acqua all’anno alla regione di Kimberley di Perth, il che significa che 100 spedizioni l’anno sarebbe necessario per soddisfare le richieste di Perth.

Energie duale del vento e del sole (in attività)

Solar Sailor è la prima nave ad essere efficacemente alimentata dalle energie duale del vento e del sole ed è attualmente operativa commercialmente nel porto di Sydney. Solar Sailor ha “potere ibrido marino” per la marina veicolo ibrido, che può opzionalmente usare “ala solare”, un dispositivo che raccoglie sia il sole e l’energia eolica.

Solar Sailor è stato costruito e sviluppato con il supporto generoso da parte del governo australiano, BP, Panasonic e altri. Vale la pena una visita al loro sito web. Una macchina imponente, la Solar Sailor opera come un traghetto passeggeri nel porto di Sydney.

Con il prezzo del petrolio a livelli così elevati, e con una pressione crescente da parte dei consumatori per le misure per affrontare il riscaldamento globale, le innovazioni per l’energia e l’ambiente sono state proposte durante la conferenza Inter ferry a Stoccolma.

Le tecnologie sono adatte a un’ampia gamma di applicazioni da piccole imbarcazioni senza equipaggio per navi cisterna di grandi dimensioni, compresi i traghetti, navi da crociera e yacht turistici privati. I risultati sono navi che offrono risparmio di consumo di carburante, il comfort dei passeggeri eccezionale, a basso impatto ambientale e zero emissioni al molo.

Questa imbarcazione passeggeri può essere alimentata da pannelli solari e i cui pannelli mobili ala-come il solare che può anche fungere da vele.  Il natante può essere impiegata con il vento, sole, batteria, o diesel, o qualsiasi combinazione di tutti.

Energie duale del vento e del sole (in attività)

Due società di traghetti turistici ibridi alimentati dal vento e dal sole, con l’aggiunta di un motore diesel, porterà i visitatori a San Francisco isola di Alcatraz nell’ambito di un contratto tra il National Park Service e traghetti Hornblower Cruises operatore ed Eventi, che sta acquistando i traghetti dalla società australiana Solar Sailor. Le navi ibride nella proposta vincente di Hornblower sono stati progettati da Solar Sailor e modellato sul traghetto in servizio Solar Sailor di Sydney, Australia (sopra).

I traghetti inquinano meno ed ottengono una migliore resa chilometrica, perché eseguito con l’elettricità per la maggior parte del tempo. I nuovi traghetti ibridi hanno una capacità di 600 passeggeri ed è in grado di navigare a 12 a 15 nodi.

I traghetti avranno una grande ala rigida ricoperta di pannelli solari che cattura l’energia solare ed eolica consentendo anche la navigazione a vela quando le condizioni sono giuste. In caso di maltempo, la vela si ripiega su una superficie piana sopra il ponte come un tetto. Le batterie permettono ai motori diesel di essere spenti in porto, che significa non odori o emissioni presso la rampa d’imbarco. Le navi possono anche essere collegato a una presa di corrente a terra per ricaricare le batterie.

la Solar Sailor opera come un traghetto passeggeri nel porto di Sydney.

Arrivano le vele solari, al via su navi cinesi
Una ditta australiana di energia rinnovabile ha concluso un accordo per la fornitura di enormi vele produttrici di energia, per due navi mercantili della Cosco, la piu’ grande societa’ di navigazione cinese.
La Solar Sailor di Sydney fabbrica vele controllate da computer che catturano sia l’energia solare che quella del vento. Si tratta di ali giganti di alluminio, lunghe 30 metri, grandi cioe’ quanto un jet 747 o A380 e coperte di pannelli fotovoltaici, che catturano l’energia del sole e allo stesso tempo imbrigliano il vento degli oceani, e che possono essere installate anche su navi esistenti. Possono ridurre i costi di carburante fra il 20 e il 40 per cento e usano il sole per coprire il 5% del fabbisogno energetico della nave. Il ministro per lo sviluppo del Nuovo Galles del sud, Ian Macdonald, nel dare l’annuncio, ha spiegato che le vele ad alta tecnologia possono ridurre significativamente i costi operativi delle navi e le emissioni di gas serra. ”E’ una tecnologia molto innovativa, e allo stesso tempo una forma di ritorno al futuro”, ha osservato. ”E’ un ritorno alle navi a vela di un tempo, ma anche un salto verso il futuro con vele ad alta tecnologia, operate da un computer e non da un equipaggio per manovrarle. ”Il costo delle vele, una volta installate, e’ recuperato entro quattro anni dai risparmi di carburante”, ha spiegato il direttore della Solar Sailor, Robert Dane. ”Non richiedono speciale addestramento, con un computer collegato al sistema esistente di navigazione, e con sensori che regolano automaticamente la loro angolatura per catturare il vento”. ”E’ difficile fare previsioni di tempo, ma nel futuro prevediamo che tutte le navi useranno vele solari”, ha aggiunto. (ANSA). ansa.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.