Crea sito

Megalolamna paradoxodon

Megalolamna paradoxodon

Megalolamna paradoxodon

Megalolamna paradoxodon

Megalolamna paradoxodon

Nuovo grande squalo preistorico scoperto in questi giorni. Novità assoluta li 05 ott. 2016

 Scoperto nuovo squalo estinto. Emozionante nuovo studio del Prof. Kenshu Shimada!  Una grande e nuova specie di antico squalo è stato identificato e chiamato Megalolamna paradoxodon .

Il nome della specie nasce dagli strani denti dello squalo: con la parola latina “paradoxum,” e “Odon,” dal greco che significa rispettivamente il paradosso e denti.

Probabilmente correlato al più grande squalo che sia mai vissuto, il famigerato Megalodon la nuova

specie, Megalolamna paradoxodon, è cresciuta per essere la dimensione di una macchina. Gli scienziati hanno descritto la nuova specie sulla rivista Biology storico Lunedi scorso 03 ottobre 2016.

I ricercatori hanno osservato: “Il fatto che un grande squalo con una vasta distribuzione geografica non sia stato scoperto finora è un’indicazione di quanto poco sappiamo ancora circa il vecchio ecosistema marino della Terra”.

I denti preistorici hanno aiutato i ricercatori per un’altra scoperta “mega”. Li hanno confrontati con i denti di Carcharocles Megalodon, la specie estinta e che è stato lo squalo più massiccio vissuto e conosciuto. Megalodon potrebbe aver avuto la crescita fino a 60 piedi (18 m) di lunghezza, e il suo morso era più potente di quello del   Tyrannosaurus rex ‘s .

Entrambi M. paradoxodon e C. Megalodon appartengono alla famiglia estinta di squali conosciuti come Otodontidae, ma gli scienziati in precedenza hanno immesso C. Megalodon in una stirpe distinta, Shimada ha detto.

Ma Shimada e colleghi  ora suggeriscono che M. paradoxodon e C.Megalodon sono in realtà cugini, e che C. Megalodon deve essere deve essere collocato in un altro genere chiamato Otodus.

“Carcharocles Megalodon è stata l’espressione tipica per lo squalo fossili”, ha detto Shimada. “Tuttavia, il nostro nuovo studio sostiene chiaramente l’idea suggerita da alcuni operai precedenti che ‘Megalodon’ va collocato all’interno del genere Otodus, e, quindi, dovrebbe essere indicato come Otodus Megalodon da ora in poi.”

Megalodon, (Carcharocles Megalodon) a 50 tonnellate specie estinta di squali che vivevano tra l'Eocene e Pliocene. Il nuovo studio suggerisce M. paradoxodon e C.megalodon sono in realtà cugini

Megalodon, (Carcharocles Megalodon) a 50 tonnellate specie estinta di squali che vivevano tra l’Eocene e Pliocene. Il nuovo studio suggerisce M. paradoxodon e C.megalodon sono in realtà cugini

Megalolamna è un genere di squalo lamniform estinto che appartiene alla famiglia Otodontidae. Il suo nome deriva dalla somiglianza dei suoi denti a quelle del esistenti squalo genere Lamna. È considerato il genere sorella di Otodus. Lo studio delle relazioni tassonomiche del Megalolamna dimostra anche la possibilità che Otodus deve includere la specie talvolta assegnati a Carcharocles (cioè, il lignaggio megatoothed, compresi megalodonte ) per essere monofiletico.

classificazione scientifica
Regno: Animalia
phylum: Chordata
Classe: Chondrichthyes
Sottoclasse: Elasmobranchii
Ordine: Lamniformes
Famiglia: Otodontidae
Genere: Megalolamna
Specie: M. paradoxodon
nome binomiale
Megalolamna parodoxodon
Shimada et al., 2016

 

Megalolamna paradoxodon

Megalolamna paradoxodon – denti

Distribuzione ed habitat

Gli scienziati hanno scritto che il Grande predatore ha solcato le antiche acque di entrambi gli oceani l’atlantico ed il pacifico e probabilmente nuotando in acque poco profonde alle medie latitudini. E’ noto dal Miocene inferiore del Perù, il Giappone ed in California e North Carolina negli Stati Uniti, il che implica una distribuzione cosmopolita.

Dimensioni

I denti hanno anche consentito agli scienziati di stimare la dimensione del corpo del pesce, sulla base di altri squali conosciuti. Il risultato: lungo circa 12 piedi (3,7 metri). Questo lo rende più piccolo del grande squalo bianco, che può raggiungere lunghezze di tra i 15 ei 20 piedi (4,6 a 6,1 m).

“Per i denti, si dovrebbe sempre essere prudenti del fatto che è possibile avere denti molto grandi o piccoli nella mascella di uno squalo, ma non rappresentano il vero aspetto della dimensione del corpo dello squalo, è difficile dire esattamente quanto fosse grande il M. paradoxodon“, ha detto John-Paul Hodnett, uno specialista di squali presso l’Università di San Giuseppe di Philadelphia, che non è stato coinvolto per lo studio.

“Per esempio, alcuni dei denti del moderno squalo balena sono minuscoli, ma la bestia può crescere per essere più di 40 piedi (12 m) di lunghezza” ha detto Hodnett.

Biologia

Il grande pesce vissuto nel Miocene, circa 20 milioni di anni fa ed appartiene ad un gruppo chiamato Lamniformes, che include i moderni grandi squali bianchi e mako.

I ricercatori hanno determinato questo periodo studiando cinque campioni di denti, che sono stati trovati in diverse parti del mondo: Giappone, California, Perù e North Carolina. Quei denti erano lunghi quasi due pollici. I denti hanno anche una forma unica con struttura a mosaico come  non è mai stato visto prima, spingendo gli scienziati per denominare la nuova specie. Sono stati trovati entrambi i denti  gli anteriori probabilmente per afferrare e dei denti posteriori, probabilmente per affettare o masticare. 

Megalolamna paradoxodon

Megalolamna paradoxodon

Sulla base delle sue denti quasi 2 pollici di lunghezza, Megalolamna paradoxodon probabilmente misurata lungo circa 12 piedi.

Credit: Kenshu Shimada

Alimentazione

Gli scienziati hanno concluso, in base alla descrizione dei denti trovati (vedere capitolo : biologia) che gli squali, molto  probabilmente, mangiavano pesci di medie dimensioni.

Note

Gli scenziati hanno notato che i denti fossili di squalo  sono tra i tipi più comuni di scoperte di fossili di vertebrati, ma hanno detto pochi sono grandi come quelli appartenenti alla Megalolamna paradoxodon. Il nome della specie allude alla natura insolita di quei denti, che non sembrano adattarsi qualsiasi altra specie conosciuta.

VIDEO 

“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.