Crea sito

Neurotossine in pinne di squalo collegate a malattie degenerative del cervello

Pinne di squalo ad asciugare al sole prima della trasformazione in Kaohsiung. Il trenta per cento delle specie di squali del mondo sono minacciate o in prossimità minacciate di estinzione. Photo Credit: Heinrichs Shawn per il Gruppo Ambiente Pew.

Neurotossine in pinne di squalo

Gli squali, che sono tra i più minacciati di specie marine, vengono uccisi principalmente per le loro pinne solo per alimentare la crescente domanda di zuppa di pinne di squalo, una prelibatezza asiatica. Ora, un nuovo studio condotto da scienziati dell’Università di Miami negli rivista Marine Drugs ha scoperto che le pinne di squalo contengono alte concentrazioni di BMAA, una neurotossina legata a malattie neurodegenerative negli esseri umani tra cui l’Alzheimer e il morbo di Lou Gehrig (SLA). Lo studio suggerisce che il consumo di zuppa di pinne di squalo e pillole cartilaginee possono rappresentare un rischio significativo per la salute per le malattie degenerative del cervello.

“Le pinne di squalo derivano principalmente attraverso il finning, una pratica in cui vengono rimosse le pinne di squalo in mare e il resto dell’animale mutilato viene ributtato in acqua per morire”, ha detto il co-autore Neil Hammerschlag, professore assistente di ricerca e attività marine politica e direttore del Programma di Conservazione RJ Dunlap Marine (RJD) a UM.

“Le stime suggeriscono che, come pinne da ben 70 milioni di squali a finire in brodo. Come risultato, molte specie di squali sono in via di estinzione. Perché gli squali svolgono un ruolo importante nel mantenere l’equilibrio negli oceani, non solo è la zuppa di pinne di squalo dannoso per l’ambiente marino, ma il nostro studio suggerisce che è probabile dannoso per le persone che consumano loro “, ha detto Hammerschlag.

Sette specie di squalo sono stati testati per questo studio: blacknose, Blacktip, bonnethead, toro, grande martello, limone e squali nutrice. I campioni sono stati prelevati da animali vivi nelle acque di tutto il Sud della Florida.

“Le concentrazioni di BMAA nei campioni sono un motivo di preoccupazione non solo nella zuppa di pinne di squalo, ma anche negli integratori alimentari e altre forme ingerito da esseri umani”, ha detto il coautore dello studio Deborah Mash, direttore della University of Miami cervello Endowment Bank, che sostiene la ricerca di base e clinica e ospita una delle più grandi collezioni al mondo di cervelli umani post-mortem che comprendono una vasta gamma di disturbi neurologici.

Nel 2009, Mash e co-autori ha pubblicato uno studio sulla rivista Acta Neurologica Scandinavica, dimostrando che i pazienti morenti con diagnosi di Malattia di Alzheimer e SLA avevano livelli insolitamente elevati di BMAA nei loro cervelli, mentre le persone sane non avevano BMAA o solo tracce quantità di la tossina presente.

Lo studio ha trovato una serie di squalo simile e BMAA livelli ancora più elevati nelle pinne testati. Il nuovo studio ha trovato livelli compresi tra 144 e 1836 ng / mg di BMAA “, che sovrappone i livelli che abbiamo misurato nel cervello del morbo di Alzheimer e le vittime SLA”, ha detto Mash. Questo livello, secondo Mash, si adatta con i livelli di BMAA che il ricercatore Paul Cox scoperti in pipistrelli da frutta, animali che si concentrano BMAA dalla loro dieta a base di semi di cycas. Ha legato l’ingestione di pipistrelli della frutta agli ALS gravi di demenza / morbo di Parkinson che affliggevano molte persone in Guam.

“Non solo questo lavoro fornisce importanti informazioni su un probabile percorso di esposizione umana al BMAA, può portare ad un abbassamento della domanda di zuppa di pinne di squalo e il consumo di prodotti di squalo, che aiuterà gli sforzi di conservazione dell’oceano”, ha detto Hammerschlag.

Il progetto è stato finanziato attraverso una generosa donazione della Fondazione W. Herbert Hoover. Fondata nel 1990, la Fondazione assume un ruolo di leadership nel sostenere le opportunità uniche che forniscono soluzioni alle problematiche legate alla comunità, l’educazione e l’ambiente.

“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.