Crea sito

Tunina,Cephalorhynchus eutropia,Cefalorinco eutropia,Delfino,Chilean dolphins,Delfín Chileno

Tunina, Cephalorhynchus eutropia

Tunina, Cephalorhynchus eutropia, Cefalorinco eutropia, Chilean dolphins, Delfín Chileno, Delfino nero,  黑喙头海豚

(Articolo n. 22 nella categoria: cercare altri articoli simili in “Cerca nel Blog” opp. In  ”Naviga in Filmati di Mare )

E’ uno dei quattro delfini del genere Cephalorhynchus. (Gli altri tre trattati con altrettanti articoli) In Cile è noto comunemente con il nome di Tunina. Nella prima metà del ventesimo secolo il cefalorinco eutropia era noto, in inglese come delfino nero poichè La maggior parte dei pochi esemplari studiati dagli scienziati erano individui tirati fuori dall’acqua la cui pelle si era scurita a causa dell’esposizione all’aria o esemplari vivi avvistati in mare, ma solo a distanza (apparendo, così, più scuri di quanto fossero). In seguito questo si è rivelato, per un nome poco appropriato.

Descrizione: 
Simile compagni specie Cephalorhynchus, i delfini cileni sono generalmente descritti come piccolo e grosso sono di forma tozza con una lunghezza di circa 1.65 m sia per i maschi e femmine. Questi delfini pesano circa 57 kg, le femmine possono essere leggermente più grandi dei maschi. Delfini cileni hanno una stout, siluro, come forma e può avere una circonferenza di fino a due terzi della loro lunghezza. La testa è di forma conica, arrotondata  e manca di un becco e melone. La linea bocca è piuttosto lunga ed è presente una scanalatura sui lati della faccia. Gli occhi sono posizionati proprio dietro la bocca. La pinna dorsale è bassa e triangolare, con un bordo lungo di primo piano che è quasi a forma di S. Le pinne sono arrotondate e medie dimensioni. La pinna dorsale e le natatoie sono piccole in proporzione alla dimensione corporea rispetto agli altri delfini. Alcuni animali possono avere anche dentellature si verificano lungo il bordo delle pinne. I Delfini cileni sono scuri ad eccezione di tre aree di bianco sulla gola, dietro le pinne, e intorno alla zona anale. Il resto del corpo è una miscela complessa di toni grigi scuri. Aree di copertura grigio scuro le pinne, trematodi, schiena e pinna dorsale, mentre più leggeri toni di grigio coprire la testa e sui lati. Lo sfiatatoio può essere grigio chiaro. Il delfino ha 28-34 paia di denti nella mascella superiore e 29-33 in quella inferiore.(. Brownell e Donovan, 1988 , Jefferson, et al, 2007. , Macdonald, 1984 , Reeves, et al, 2002. , Ridgway e Harrison, 1994

Delfini cileni si sovrappongono nell’habitat con i delfini Commerson (Cephalorhynchus commersonii ). Essi possono essere distinti dalla mancanza di una zona cospicua bianca sui lati e sul retro. Le focene ( Phocoena spinipinnis ) possono essere confuse, ma hanno pinne dorsali più sottili che sono posizionate più indietro ed il profilo è più basso e più appuntito.

Classificazione scientifica                   Cephalorhynchus eutropia
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Sottoclasse Eutheria
Ordine Cetacea
Sottordine Odontoceti
Famiglia Delphinidae
Genere Cephalorhynchus
Specie C. eutropia
Nomenclatura binomiale
Cephalorhynchus eutropia
(Gray, 1846)

Habitat – Distribuzione: Chile, forse anche Argentina, Pacifico – sud-est – Regioni
temperate. I biomi acquatici: acqua salata o marina, fiumi e torrenti costieri, acqua salmastra

Gamma di profondità: 20-3 m (65,62-9,84 ft)

Questo delfino si trova solo lungo la costa cilena (e forse nel sud dell’Argentina), da circa 30 ° S a Capo Horn, sulla punta meridionale del Sud America. Come è vero per gli altri membri del genere, si trova in acque costiere poco profonde e fredde e preferisce vivere in prossimità di aree con forte flusso di marea sopra una terrazza con caduta ripida, ed entra a volte estuari e fiumi e può essere visto fino a 5 chilometri a monte. Si verifica nei canali e fiordi del sud del Cile, e in misura minore lungo la costa occidentale della Terra del Fuoco, come ad esempio nello Stretto di Magellano. La sua distribuzione sembra essere continuo, anche se ci possono essere aree di abbondanza locale, come Golfo de Arauco, la costa fuori Valdivia e il lato orientale della Isla Grande de Chiloé (Goodall et al. 1988). Il delfino viene normalmente avvistato in piccoli gruppi da due a dieci individui, anche se si possono occasionalmente avvistare dei gruppi più grandi.

Popolazione: La stima unica affidabile dell’abbondanza è di 60 delfini in un’area di circa 270 km² al sud Isla Chiloe, Cile (Heinrich 2006). La popolazione totale sembra essere molto piccola (migliaia al massimo) anche se la presunta rarità di questi delfini può essere dovuta, in qualche misura, alla mancanza di traffico di barche e pochi osservatori addestrati nei canali, e alla timidezza degli animali ed il comportamento evasivo. Sulla base delle informazioni da 20 anni fa, è stato rilevato che i delfini cileni sono localmente abbondanti in alcuni settori quali Bahia Corral fuori Valdivia, il Golfo de Arauco vicino a Concepción e intorno Isla Grande de Chiloé. Gruppi di 20-50 della gamma della specie (Goodall 1994) sono stati visti sulla costa nei pressi del limite settentrionale. Almeno alcuni delfini cileni vicino a Chiloé risiedono le acque costiere tutto l’anno (Goodall 1994; Heinrich 2006).

Trend  Popolazione: Decrescente. La specie è elencata nell’appendice II della CITES.

Tunina, Chilean dolphins, Cephalorhynchus eutropia

Grave minaccia:

Tunina, Delfini cileni sono stati cacciati per molti anni per il cibo ed esca per granchio. La pesca, in particolare costiera, con reti da posta è una minacia potenzialmente grave. I pescatori nelle zone costiere a nord di Isla Chiloe i delfini vengono arpionati o sono catturati con reti o palangari destinati ai Robalo (Eleginops maclovinus), ami individuali per pesce spada (Xiphias gladius) e di reti ad anelli dei granchi (Cancer sp.) (Goodall et al. 1988). Da Isla Grande de Chiloé sud, i delfini sono stati utilizzati insieme a foche, leoni marini, pinguini e altri uccelli marini e pesci come esche per la lucrosa pesca al “centolla” (granchio reale) e “centollon” (falso granchio reale) anche se questa pratica è illegale. È stato stimato nei primi anni 1980 che due delfini cileni potrebbero essere presi ogni settimana per ogni barca d’industria conserviera nello Stretto di Magellano (Goodall et al. 1988), e nel 1992 fino a 600 delfini (tra cui il più numeroso ed  accessibile delfino Peale) furono arpionati all’anno nella zona occidentale, nei pressi dello Stretto di Magellano.  Le zone di pesca da allora si sono spostate più a nord e sud, e le fonti alternative di esche (come ad esempio le frattaglie dalla pesca e dalle industrie allevamento dei pesci) sono diventate più facilmente disponibili. L’uccisione di delfini per le esche continua presumibilmente in una certa misura, ma purtroppo non ci sono informazioni attendibili recenti su questo tema. Anche se la caccia è ora illegale, i pescatori della zona sono poveri e l’applicazione della legge in aree remote è difficile.

Mortalità accidentale si verifica in tutta la gamma. Anche se non esiste stima della totale mortalità accidentale in Cile, a Queule, a sud di Valdivia, delfini cileni sono quasi la metà dei delfini presi in reti da posta di circa 30 imbarcazioni (Reyes e Oporto 1994). Ciò implicherebbe una cattura di alcuni delfini cileni nel numero di 65-70 all’anno. Un numero imprecisato di delfini cileni sono catturati nei pressi della riva con reti da posta fisse da parte di persone locali da Isla Chiloé per catturare piccoli pesci nativi ed il salmone d’allevamento scappati dalle loro gabbie (Heinrich 2006).

Aziende di acquacoltura del salmone e frutti di mare possono anche avere effetti negativi sui delfini cileni, ad esempio limitando i loro movimenti ed eliminando habitat importante lungo la costa orientale della Isla Grande de Chiloé. Esclusione di delfini cileni da baie e fiordi è dovuta principalmente All’allevamento di crostacei da parte di grandi aziende, ma anche da allevamenti di salmone, anche se questi ultimi di solito si trovano lontano dalla costa e in acque più profonde di quello preferito dai delfini. E ‘stato dimostrato che il traffico di barche, principalmente legati all’acquacoltura, influisce sul comportamento dei delfini cileni (Ribeiro et al. 2005). Infine, ci sono prove che i delfini cileni sono talvolta catturati accidentalmente in anti-Sea Lion reti fisse attorno allevamenti di salmoni nei fiordi e canali (Francisco Viddi pers. Comm., Aprile 2007).

Il cefalorinco eutropia è l’unico Cephalorhynchus che non nuota dietro alle scie delle imbarcazioni. Si crede che la causa di questo sia dovuta alle numerose cacce con arpioni rivolte a questi delfini fino ai primi anni ’80, rendendoli guardinghi nei confronti delle imbarcazioni. Ai tempi di queste cacce venivano uccisi circa 1300-1500 esemplari all’anno. Al giorno d’oggi pochi sono catturati ogni anno a causa della pesca. E’ possibile che altre perdite causino un declino irreversibile della specie, ma questo non è noto con certezza.

La popolazione del cefalorinco eutropia, forse uno dei meno studiati tra tutti i cetacei, non è nota con certezza. Dovrebbero esisterne poche migliaia, sebbene recentemente un ricercatore, Steve Leatherwood, ha sostenuto che la popolazione dovrebbe essere leggermente più bassa. Qualunque sia il suo numero, il cefalorinco di eutropia è endemico delle coste del Cile.

Tunina, Chilean dolphins, Cephalorhynchus eutropia

Azioni di conservazione:  

Una migliore informazione sullo stato dei delfini cileni è necessario. Le specie possono essere in declino a causa delle catture accidentali e le conseguenze di una sostanziale modifica del suo habitat limitata in Cile. In particolare, è importante ottenere stime di abbondanza, le informazioni quantitative sulla mortalità diretta e accessorie, e una migliore informazione sul consumo di habitat in materia di acquacoltura e di altre attività umane che possono degradare o eliminare questi habitat dei delfini. La rapida espansione di salmone (e frutti di mare), l’acquacoltura nel sud del Cile è una preoccupazione particolare. È inoltre importante valutare eventuali gap nella distribuzione di delfini cileni.

Tunina, Chilean dolphins, Cephalorhynchus eutropia

Riproduzione:

Poco si sa circa il sistema di accoppiamento e il comportamento di accoppiamento di questa specie.

Le femmine hanno in genere un piccolo ogni due anni. Vivipara
Allevamento stagione: i Delfini cileni si accoppiano in inverno.
Fascia di età alla maturità sessuale o riproduttiva (femmina): 5 a 9 anni
Fascia di età alla maturità sessuale o riproduttiva (maschile): 5 a 9 anni

Altri aspetti della cilena riproduzione dei delfini non sono ben compresi.

La femmina dei delfini cileni si dedicano molto ai giovani, attraverso la gestazione e l’allattamento. Come altri delfini, i giovani rischiano di restare con i propri genitori per lunghi periodi durante i quali imparano comportamenti sociali complessi, navigazione e di alimentazione.

Durata della vita / longevità

Anche se la longevità non è stata determinata nei delfini cileni, le specie affini, delfini Commerson e delfini Hector hanno una durata fino a 20 anni. ( Brownell e Donovan, 1988 )

Tunina, Chilean dolphins, Cephalorhynchus eutropia

Comportamento

Tunina, Delfini cileni che si trovano di solito in piccoli gruppi di 2 o 3, anche se si sono avvistati gruppi fino a 20 esemplari. Raramente sono state avvistate scuole da 20 a 50 individui, in particolare nella parte settentrionale del loro areale. Nelle parti meridionali del loro areale, tendono ad evitare le barche. Tutte le segnalazioni indicano che questi delfini sono estremamente timidi e di difficile approccio. I Delfini cileni hanno mostrato un comportamento empatico, in cui gli animali sani forniscono assistenza a quelli feriti. Una femmina adulta, colpita al cuore ed all’aorta, è stata accompagnata da numerosi altri animali fino a quando è stata issata a bordo di una barca. Gli animali poi sono rapidamente fuggiti non appena la femmina è stata portata fuori dall’acqua. Al contrario, un maschio adulto a cui avevano sparato è stato immediatamente abbandonato dal suo gruppo (. Brownell e Donovan, 1988 ; Macdonald, 1984 , Reeves, et al, 2002. , Ridgway e Harrison, 1994 ; Wilson e Reeder, 1993 )

Home range

Poco si sa del raggio di habitat e flussi migratori di questa specie, anche se si pensa di essere relativamente sedentari.

Tunina, Chilean dolphins, Cephalorhynchus eutropia

Comunicazione e Percezione

Tunina, Delfini cileni producono “grida” che consistono in impulsi rapidi a livelli molto bassi. Apparecchiature di registrazione al momento non sono stati sufficienti per cogliere la piena portata dei loro suoni. Essi usano l’ecolocalizzazione per navigare il loro ambiente ( Brownell e Donovan, 1988 , Ridgway e Harrison, 1994 )

Canali di comunicazione : visivo ; Acustica

Percezione Canali : visivo ; Acustica ; Ultrasuoni ; Ecolocalizzazione

Abitudini alimentari

Tunina, Delfini cileni comunemente si nutrono di pesci di piccole dimensioni, come sardine ( Strangomera bentincki ), calamari (per esempio Loligo gahi ) e crostacei (come Munida subrugosa). I Delfini cileni che sono stati osservati nei pressi di centri di acquacultura e può mangiare giovani salmoni ed i salmoni appena nati. (Reeves, et al, 2002. , Ridgway e Harrison, 1994 )

Dieta primaria : carnivoro (Piscivore , Non mangia-insetti artropodi, Molluscivore )

Predazione

Tunina, Delfini cileni sono nuotatori agili e veloci. Predazione naturale sui delfini cileni non è stato osservato, ma possono cadere preda di squali e orche . (Ridgway e Harrison, 1994 )


“Articolo a scopo didattico-istruttivo, divulgativo, informativo e ricreativo“

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.