Get a site

Tag Archive for eco pirati

Tanzania Operazione Jodari con Sea Shepherd

Tanzania Operazione Jodari con Sea Shepherd

Tanzania Operazione Jodari con Sea Shepherd

Tanzania Operazione Jodari con Sea Shepherd

Tanzania Operazione Jodari con Sea Shepherd

Per altre missioni del 2018  <—- Cliccare

For other 2018 missions <—- Click

Italiano / English

Sea Shepherd unisce le forze armate con la Tanzania per fermare l’illegale
 
Sea Shepherd joins forces with Tanzania to stop illegal
%%%
Sea Shepherd è un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro che si impegna in campagne di azione diretta per difendere la fauna selvatica e per preservare e proteggere gli oceani del mondo dallo sfruttamento illegale e dalla distruzione ambientale.
Sea Shepherd is an international, non-profit marine conservation organization that engages in direct action campaigns to defend wildlife, and conserve and protect the world’s oceans from illegal exploitation and environmental destruction.
%%%
Un motto di Sea Shepherd : Per difendere, conservare e proteggere i nostri oceani.  [ To defend, conserve and protect our oceans.]
%%%

 

Per anni, le navi da pesca illegali hanno operato impunemente al largo delle coste africane della Tanzania. Ma ora i bracconieri e altri operatori illegali vengono imbarcati, ispezionati e arrestati grazie a una nuova coalizione di ambientalisti e forze dell’ordine.

Sea Shepherd ha collaborato con le autorità tanzaniane per l’Operazione Jodari, una campagna per » Read more..

Sea Shepherd 2018, Paul Watson 2018

Sea Shepherd 2018, Paul Watson 2018

Sea Shepherd 2018, Paul Watson 2018

Sea Shepherd 2018, Paul Watson 2018

Sea Shepherd 2018, Paul Watson 2018

Sea Shepherd Conservation Society

La Sea Shepherd Conservation Society è un’organizzazione non-profit, registrata negli Stati Uniti, e una fondazione (Stichting) registrata in Olanda. I membri si autodefiniscono eco-pirati e navigano battendo bandiera nera (Jolly Roger), che è anche il logo dell’associazione, sotto la quale vengono intraprese le campagne che l’associazione dice sono basate sulla Carta Internazionale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per la Natura (1982) – United Nations World Charter for Nature – ed altre leggi a tutela delle specie e dell’ambiente marino.

L’organizzazione è stata fondata nel 1977 da Paul Watson, uno dei tre fondatori di Greenpeace, dopo aver » Read more..

Sea Shepherd, anni dal 2007 al 2010

Sea Shepherd, anni dal 2007 al 2010

Sea Shepherd, anni dal 2007 al 2010

Sea Shepherd, anni dal 2007 al 2010

Sea Shepherd, anni dal 2007 al 2010

2007

Gennaio:  rifornisce Robert Hunter a Puntarenas, Cile, e poi si dirige al Mare di Ross per cercare la flotta delle baleniere giapponesi. La Farley Mowat si discosta dalla Tasmania per il Mare di Ross sulla stessa missione.

Febbraio: Il Cacciatore Robert e la Farley Mowat localizzano la flotta baleniera. Le navi arpione fuggono al nord. Un branco di balene fugge verso l’Occidente e la Nisshin Maru fugge verso l’Oriente. Sea Shepherd inizia gli inseguimenti e » Read more..

Caccia alle balene, Sea Shepherd campagna 2011

Caccia alle balene, Sea Shepherd campagna 2011

Sfinito dagli eco-pirati il Giappone ferma la caccia alle balene

Caccia alle balene, Sea Shepherd campagna 2011

Caccia alle balene, Sea Shepherd campagna 2011

Caccia alle balene, Sea Shepherd campagna 2011

Migaloo dormi sonni tranquilli. Rarissimo esemplare di balena bianca, cioè una megattera albina che ogni anno fa la sua comparsa davanti alle coste orientali dell’Australia, Migaloo in realtà non è a rischio, a rischio sono le sue colleghe dei mari antartici sottoposte da sempre a una caccia spietata. Ma ora Migaloo può rallegrarsi per loro: non saranno più cacciate.
La notizia è di quelle che fanno sensazione: il Giappone, fino a questo momento tetragono sterminatore di cetacei, lo stato che non ha voluto firmare l’accordo internazionale del 1986, ha sospeso la caccia nell’Antartico, non si sa se piegato dalla riprovazione internazionale o dagli attacchi incessanti degli «ecopirati» di Sea Shepherd, l’agguerrita associazione di difesa dell’ambiente che da anni si batte contro le navi baleniere.
L’annuncio ufficiale è arrivato ieri dall’Agenzia della pesca giapponese: «Il peschereccio Nisshin Maru che è inseguito dalle imbarcazioni di Sea Shepherd – ha dichiarato Tatsuya Nakaoku, portavoce ufficiale dell’Agenzia – ha sospeso l’attività dal » Read more..